“Mai più Bancarelle in Piazza del Duomo”

PISA – Riceviamo e pubblichiamo il comunicato di Mai più Bancarelle al Duomo

Dagli ultimi interventi del Sindaco emerge una certezza: ogni ipotesi di rientro delle bancarelle in Piazza dei Miracoli, sotto qualsiasi forma, è definitivamente abbandonata.

È un piccolo ma significativo successo di quella mobilitazione delle coscienze che avevamo promosso e che ha raccolto l’adesione di tanta parte del mondo della cultura, delle professioni, dell’associazionismo culturale ed ambientale, con 2675 firme raccolte in due mesi.

Ma purtroppo le bancarelle, cacciate dalla porta da Piazza Duomo, vogliono rientrare dalla finestra!

Il Sindaco ripropone infatti una soluzione già bocciata in sede di Comitato Interistituzionale per il Decoro costituito da Comune, Sovrintendenza e Regione Toscana (con buona pace del responsabile di Confesercenti e la sua disponibilità “informale” ottenuta dalla Regione). Sistemare le sole bancarelle di Piazza Manin in uno spazio a verde interno all’ospedale. Basterebbe “solo”, oltre che distruggere l’area a verde dove insiste anche l’obitorio e una cappella, aprire due “buchi” nel muro per mettere in comunicazione diretta l’area con la piazza di Miracoli.

Si produrrebbe così una modifica significativa del disegno della Piazza dei Miracoli per sistemare, “provvisoriamente” per di più, le solo bancarelle di Piazza Manin.

Concordiamo con l’assessore all’urbanistica Ing. Dringoli, persona ritenuta unanimemente seria e competente. L’unica soluzione che senza mettere in pericolo l’integrità della piazza salvaguarda anche l’economia degli ambulanti, è il parcheggio di via Pietrasantina, dove, nel 2017 sono arrivati 43272 bus con un numero di turisti sicuramente superiore ai 2 milioni. Oltretutto il comune ha già speso 200.000 euro  per attrezzare quell’area a ricevere le bancarelle.

Secondo noi la città non capisce perchè la soluzione più logica non venga praticata. Ce lo spieghino, una buona volta.

Fonte: Valeria Caldelli, Pierluigi D’Amico, Silvia Silvestri

By