Malamovida. Filippeschi chiede un vertice con le città universitarie-turistiche

PISA – “Non ci vogliamo arrendere, anche se a volte c’è di che essere scoraggiati. Come quando vediamo gli sfregi fatti alla Piazza dei Cavalieri, nonostante la sua bellezza e gli investimenti di valorizzazione realizzati. Le città che vivono il fenomeno della malamovida, del caos notturno, frequentate da tanti giovani e da tanti turisti, sono state lasciate sole da governi nazionali e parlamento a vivere una pesante mutazione. I cittadini hanno diritto ad avere risposte.

Insieme al prefetto Achille Visconti abbiamo promosso un’iniziativa nuova. Al prefetto di Firenze Alessio Giuffrida è stato proposto di convocare e coordinare un tavolo permanente, per varare, sostenere e monitorare provvedimenti sui diversi versanti. Coinvolgendo anche la Regione e le Università. Con Firenze, che vive ogni notte i nostri problemi, avevamo da tempo discusso di condividere azioni. Anche Siena è coinvolta, perché ha iniziato a vivere criticità notturne. Il sindaco Bruno Valentini è d’accordo”. Così il sindaco di Pisa Marco Filippeschi che riferisce della discussione fatta e delle decisioni prese nell’ultima riunione del Comitato per l’Ordine e la Sicurezza, richiesto e convocato per fare il punto sui provvedimenti contro la malamovida.

“Niente avrà valore se non si affermerà una condanna molto forte, con le parole giuste, dei comportamenti incivili – dice il Sindaco di Pisa – perché non si può considerare normale ciò che contrasta con le regole fondamentali della convivenza civile, oltre che con norme e leggi. Se non c’è il coraggio di parlare chiaro e di educare andremo poco lontano». «Ci sono aspetti diversi da affrontare. La strategia discussa prevede cinque mosse. Innanzitutto un’iniziativa coordinata fra le città, che sia anche di pressione sul governo nazionale – sottolinea Filippeschi – per colmare le carenze di organici delle forze dell’ordine e per varare la nuova legge sulla sicurezza urbana, per consentire più forti controlli notturni e per avere regole più severe contro gli abusivismi. Il convegno dell’Anci fatto proprio a Pisa ha approfondito il tema. Dunque dure sanzioni contro chi rifornisce di alcool le piazze, per esempio. Poi un’azione di migliore gestione dei luoghi, per l’igiene urbana, per esempio. E anche un potenziamento della videosorveglianza dov’è necessario”. “Di certo dobbiamo affrontare il lato culturale e sociale. Facendo percorsi di partecipazione e d’interlocuzione. Coinvolgendo i cittadini dei quartieri interessati e le circoscrizioni. Cercando un dialogo, con personale esperto. Come a Pisa abbiamo cercato di fare con lo spazio di piazza Sant’Omobono. Anche se è poi difficile creare alternative con eventi permanenti o ripetuti. Perché costano e hanno gravosi oneri organizzativi. Non ci tiriamo indietro – aggiunge Filippeschi – e per questo chiediamo un sostegno alla Regione e alle Università. E’ forse semplicistico pensare che abitudini radicate si superino dando qualche alternativa, luoghi diversi, più decentrati. Ma dobbiamo provarci. E ogni istituzione deve metterci impegno, patrimonio e risorse. I comuni, da soli, possono fare poco. Confido che il tavolo reginale ci aiuti a dare un impulso nuovo”.

By