Mannini (M5S) sul Daspo Urbano: “Solo spot elettorale, nessuna garanzia di sicurezza per i cittadini”

PISA – Sull’approvazione del cosiddetto Daspo Urbano, avvenuta ieri sera da parte del Consiglio Comunale, è intervenuto Gianfranco Mannini, capogruppo consiliare pentastellato.

“La delibera approvata – ha dichiarato Mannini, nella foto – viene applicata al contrario di quella che è la ratio della legge Minniti, varata per dare ai Sindaci uno strumento di natura amministrativa e non penale atto a combattere gli effetti peggiori della “Mala movida.

La delibera appena approvata, invece viene applicata nella zone dove notoriamente imperversa la criminalità vera e propria.

Balza all’attenzione di tutti, che dalle aree messe sotto controllo è esclusa proprio la zona dove la malamovida produce gli effetti più deleteri: tutta l’area commpresa tra piazza dei Cavalieri e Piazza Delle Vettovaglie. . Di fatto, si è realizzato un doppio clamoroso effetto negativo: non si interviene contro la malamovida e si è creata una sorta di depenalizzazione dei reati commessi nei luoghi a più alto rischio di criminalità, come piazza della Stazione e piazza del Duomo.

In questi luoghi, a causa della delibera approvata dalla maggioranza si rischia che, , chi ruba, spaccia, scippa etc. non viene messo in condizioni di non nuocere con la contestazione di un reato penale, ma solo allontanato per un paio di giorni (48ore) dal luogo in cui abitualmente compie atti di natura penale.

Bocciato l’emendamento del M5S che, anche accogliendo l’appello dei Comitati Cittadini e del Direttore della Scuola Normale, proponeva di attuare la legge Minniti solo nell’area compresa tra piazza dei Cavalieri e piazza delle Vettovaglie, utilizzando invece łe leggi ordinarie per perseguire e combattere la criminalità, garantendo così la sicurezza in tutte le altre parti della città.

Piazza dei Cavaliere e Piazza Delle Vettovaglie nelle quali l’amministrazione Filippeschi, invece di utilizzare i provvedimenti appositamente predisposti dalla legge Minniti per reprimere comportamenti indecenti, ha deciso per un approccio evangelico inviando la Società della Salute, consorzio che nega i diritti essenziali a disabili e anziani, a spendere risorse ed energie come un “ESERCITO della SALVEZZA” che va a distribuire agli attori della movida, , non solo bicchieri di plastica, ma anche preservativi, cuffie per ascoltare musica e cene “gratuite” a coloro che hanno necessità di abbassare il tasso alcolico.

Comportamenti quelli adottati da questa amministrazione che vanno analizzati alla luce di una campagna elettorale già in essere per le prossime elezioni amministrative che si terranno nella primavera del 2018. Meditate gente, meditate!”

By