Marco Filippeschi sulla sentenza TAR Moschea: “Decenza imporrebbe le dimissioni”

PISA – Sulla sentenza del TAR è intervenuto anche l’ex Sindaco di Pisa Marco Filippeschi.

“La Sentenza del TAR che annulla tutti gli atti del Comune di ostacolo alla realizzazione del luogo di culto della Comunità Islamica pisana è una totale sconfessione dell’operato del sindaco Conti, della Giunta, di chi ha collaborato a formulare provvedimenti pienamente illegittimi. Conferma invece ciò che più volte anch’io mi ero permesso di rilevare e che hanno dimostrato in sede di giustizia i legali della Comunità. È un colpo durissimo alla credibilità dell’amministrazione della destra a trazione leghista, che avviene all’indomani dell’approvazione della variante-stadio, traballante e condizionata dal sopruso tentato in contrasto alla Costituzione per limitare la libertà di culto di nostri concittadini. Una variante che si è subito dimostrata un inganno contro tante speranze. Conti ha voluto di fare il forte con i deboli, non ha ascoltato chi gli consigliava di stare nei binari della legge, non ha ascoltato neppure le parole sagge e rispettose della Chiesa, pisana e toscana. Difficile ora reggere una sconfitta di portata tanto devastante. Decenza imporrebbe le dimissioni di chi ha fatto errori cosi ingiustificabili, perché la città possa esprimere il giudizio che deve dare su fatti, i più gravi ma non i soli, che minano l’affidabilità del governo del Comune”.

By