Marco Giovio a Pisanews: “Giocare all’Arena non sarà facile,ma la Pro Piacenza ha necessità di fare di punti”

PISA – Sara’ il Pro Piacenza il prossimo avversario del Pisa, domenica (ore 18) all’Arena Romeo Anconetani. Marco Giovio, e’ uno dei rinforzi del mercato di gennaio della formazione piancentina arrivato per dare maggior peso all’attacco.

Per Marco Giovio (nella foto sotto tratta da www.usgrosseto1912.it)una carriera in squadre importanti come Varese, Palermo, Foggia, Piacenza(quello biancorosso che ha fatto anche la serie A), oltre a tre anni alla corte di Camilli da dove appunto è giunto nella città emiliana. Giovio è lombardo di Como, dove è nato il 5 luglio 1990.

Marco, benvenuto su Pisanews e grazie di aver accettato il nostro invito: sei giunto alla Pro Piacenza in questo mercato di gennaio da Grosseto: perché questa scelta?

“A Grosseto non ho avuto tantissimo spazio e non ho giocato molto, quindi a gennaio ho deciso di cambiare. Sono qui in prestito in quanto ho ancora un altro anno di contratto con la societa maremmana”.

image

Leggo dal tuo curriculum che sei stato nel Grosseto per tre anni: che periodo è stato quello trascorso nella società di Patron Camilli?

“Il primo anno che giunsi a Grosseto ero fuori rosa mentre lo scorso anno giocai poco ma feci 4 gol da subentrato e quest’anno ho disputato 3 gare facendo un gol”.

E alla Pro Piacenza che ambiente hai trovato?

“Ho trovato una società sana, che ha voglia di fare bene una squadra formata da bravi ragazzi che mi hanno messo subito a mio agio e poi Piacenza è una città che già conoscevo per aver giocato nell’altra squadra di Piacenza quella biancorossa”.

Ed a livello di prestazioni personali come sta andando?

“Ho già disputato due partite finite in pareggio devo ancora trovare la condizione darò tutto per lottare per questa squadra e portarla alla salvezza”.

Venite da un pareggio interno con l’Ancona: che partita è stata quella con i dorici?

“Nel primo tempo siamo passati in vantaggio ed abbiamo avuto l’occasione per chiuderla ma poi loro,nonostante l’espulsione di un loro giocatore sono riusciti a pareggiare”.

E del Pisa, prossimo avversario che informazioni hai?

“Il Pisa è un’ottima squadra e giocare all’Arena Anconetani non sarà sicuramente facile ma noi abbiamo necessità di fare punti”.

Hai avuto modo di vedere la squadra di Mister Braglia?

“Si, l’ho visto proprio nella gara vinta dal Grosseto all’Arena per 2-1dove io ero nella panchina maremmana. Inoltre conosco Eros Pellegrini con il quale ero insieme nel Palermo e Stefano Di Cuonzo con me nel Grosseto. Pisa, ripeto ottima squadra con ottime individualità, tipo Arma”

Marco,tu sei un attaccante ci puoi illustrare le tue caratteristiche?

“Sono una punta a cui piace inserirsi negli spazi svariando in area avversaria”.

E riguardo al modulo di gioco qual è quello più usato di frequente?

“Dipende, cambiamo a seconda degli avversari che affrontiamo ed anche a partita in corso, ultimamente siamo scesi in campo con un 4-3-3”.

Per concludere, ti chiedo un’opinione sulla parte alta della classifica di questo girone di Lega Pro…

“Vedo un campionato livellato con pochi punti di distacco fra le squadre. Si,l’Ascoli adesso sta facendo bene ma non è detto che arrivi così fino al termine del campionato, quindi vedo Pisa e L’Aquila che possono inserirsi nella lotta per il primo posto, il Grosseto ha vinto per due volte di fila e penso possa andare ai playoff”.

By