Marco Guidone in esclusiva a Pisanews: “Seguo sempre il Pisa, questo è l’anno buono per salire in B”

PISA – Nella settimana che ci portera’ dritti al derby contro il Grosseto, con la societa’ maremmana in silenzio stampa siamo andati a scovare un attaccante che in passato ha vestito le maglie di Pisa e Grosseto, Marco Guidone attualmente in forza al Chieti nel girone B di Seconda Divisione che proprio domenica scorsa ha affrontato il Tuttocuoio.

Marco Guidone giunse a Pisa nel gennaio 2011, proveniente proprio dal Grosseto. Guidone è nato a Milano il 17 maggio 1986 ed e’ alto 1,90 per 79 kg di peso. All’ombra della Torre Marco Guidone colleziono’ 13 presenze realizzando due reti una delle quali determinante a Cava dei Tirreni che permise ai nerazzurri di ottenere la prima vittoria esterna di quells stagione nella prima gara ufficiale di mister Pagliari sulla panchina nerazzurra. La seconda se si considera che Pagliari aveva esordito in Coppa Italia contro la Juve Stabia.

Ciao Marco bentornato a Pisanews.net, come sta andando la stagione a Chieti?

“La squadra sta andando a corrente alternata, con bei risultati a cui fa da contraltare qualche sconfitta, tipo quella che abbiamo subito domenica in casa con il Tuttocuoio”.

Qual’e’ l’obiettivo che si è prefissato il Chieti per questa stagione?

“La nostra è una compagine che punta ad arrivare nelle prime otto posizioni”.

Mi hai accennato della sconfitta di domenica scorsa con il Tuttocuoio. Che partita e’ stata?

“Una partita strana, loro hanno fatto due tiri in porta, fra cui uno su rigore, che hanno sbagliato e poi hanno segnato nel secondo tempo. Noi abbiamo dominato la partita, io ho sbagliato un rigore. Peccato, perche’ come minimo, meritavamo almeno il pareggio”.

Un tuo giudizio ul Tuttocuoio che e’ una compagine della Provincia di Pisa?

“Ha un bel gruppo di giovani, mi ha colpito, ad esempio Salzano, poi possiede alcuni elementi di esperienza come Ferretti e Falivena, con i quali tra l’altro ho giocato insieme”.

Passiamo ora al Pisa. Stai seguendo le vicende nerazzurre?

“Certo seguo sempre il Pisa, tra l’altro ho seguito in tv la partita di venerdi’ a Benevento, ha avuto sfortuna con quella vittoria sfumata in extremis, ma a mio avviso questo è l’anno buono per salire in B”.

Chi ti ha colpito della squadra nerazzurra?

“E’ una squadra che ha un buon gruppo di giovani, come ad esempio il centrale di difesa Goldaniga e poi non bisogna dimenticare Arma e gli esperti Mingazzini e Favasuli”.

Ti sentì con qualcuno dei tuoi ex compagni nel periodo in cui sei stato a Pisa?

“Io mi sento spesso con Ciccio Favasuli e con Maurizio Pugliesi, che sono gli unici giocatori rimasti di quando militavo nel Pisa e che saluto da queste colonne”.

Sabato prossimo c’è Pisa – Grosseto. Tu hai giocato in entrambe le squadre. Che gara ti aspetti?

“Sara’ una bella partita, il Grosseto è una buona squadra e poi c’è mister Stefano Cuoghi, che ci terra’ a far bella figura. Prevedo una partita tirata dove entrambe le squadre cercheranno di vincere”.

Che cosa secondo te sarà decisivo sia da una parte che dall’altra?

“Questo non lo so, ma credo che gli episodi avranno il suo peso, specie in derby come questo”.

Che piazze sono Pisa e Grosseto tu che le hai vissute entrambe?

“Completamente diverse e nonostante Grosseto abbia fatto ultimamente diversi anni di serie B ed e’ importante e con un buon seguito di pubblico, non e’ con tutto il rispetto paragonabile a Pisa, che ha una grande storia ed un grande pubblico”.

Chi vedi favorito per la vittoria finale del campionato?

“Siamo solo all’inizio e prevedo una grande battaglia, dove vedo Lecce, Perugia e Benevento che, alla lunga verranno fuori e poi il Pisa che sicuramente e’ una papabile per la vittoria finale. Il Grosseto lo vedo un gradino sotto, pero’ non e’ detto che la “carta”faccia la differenza. Poi c’e’ questo Pontedera che io ho incontrato lo scorso anno, quando giocavo nel Fondi e che ha mantenuto lo stesso organico e non è un caso che sia in testa alla classifica”.

Che ne pensi della regola dell’età media?

“Sono assolutamente contro questa regola,perche’ penalizza sia i giovani e gli anziani e non guarda alle capacita’dei giocatori al di la’ dell’eta’ anagrafica”.

Per concludere, vuoi fare qualche saluto come ex?

“Si’, desidero salutare gli sportivi pisani ed anche quelli maremmani, con l’auspicio che quella di sabato sia una bella partita e venga fuori un bel derby”.

SOTTO MARCO GUIDONE CON LA MAGLIA DEL GROSSETO

20131113-065047.jpg

By