Mario Brandani in esclusiva su Pisanews: “Il Frosinone cercherà di vincere per evitare i supplementari,io spero che passi il mio Pisa”.

PISA – E’ un grande tifoso del Pisa, e un ex difensore nerazzurro, ai tempi di Romeo Anconetani, ma vive ormai da anni a Veroli a 8 Km dal capoluogo ciociaro, Mario Brandani ha giocato anche nel Frosinone e sente in maniera inusuale la vigilia di questa importante sfida che vale la finalissima play-off.

Parla un pisano tinto di dialetto ciociaro. Brandani è nato a Pontasserchio,nel comune di San Giuliano Terme l’ 11 dicembre 1968 e prima di essere giocatore è stato un ultras della Curva Nord di Pisa e di questo ne va orgoglioso.

Ben ritrovato, Mario, qui su Pisanews: sei pisano ma da tanti anni ormai vivi a Frosinone,cuore diviso?

“Premesso che io mi trovo benissimo a Frosinone, ma la mia fede è nerazzurra, guai a chi tocca il mio Pisa, sarebbe un tradimento!!!”

Ma che partita prevedi al Matusa?

“Sarà sicuramente una partita tosta, il Frosinone è indubbiamente una bella squadra, anche se a Pisa si sono un pò chiusi e non li ho visti bene. Diciamo che son venuti per prendere il pareggio per poi giocarsela in casa”.

Ed il Pisa, invece, hai avuto modo di seguirlo dal vivo?

“Certo, come viene qui in zona sempre, vedi Latina lo scorso. Ero anche a L’Aquila, dove ho provato una grande emozione per quel successo e poi essendo della “Curva Nord” ero in mezzo a quei tifosi ed ho ritrovato i vecchi amici. Ho un cugino, Cristiano Frassi, che è un grande ultras della Nord di Pisa e mi ha comprato il biglietto”.

Come si sta preparando l’ambiente frusinate a questa gara?

“Qua sono molto carichi, stanno mettendo volantini in tutta la città per invitare la gente allo stadio, c’e grande attesa e si prevedono circa 7.000 spettatori anche se non ci sarà il pienone e domenica mattina, chiuderanno la città, purtroppo di squadra ne passa solo una, io spero che sia il Pisa”.

Qualche consiglio da dare ai nostri giocatori nell’affrontare la squadra di Stellone?

“Loro hanno due punte forti, come Ciofani e Curiale, alle quali come capita mezza palla, ti puniscono inoltre prendono pochi gol.Il Pisa dovrà fare una partita intelligente, aspettandoli per poi controbattere con le ripartenze. Certo la mancanza di Sabato è pesante, speriamo che segni Arma. Sicuramente loro cercheranno di vincerla da subito per evitare di andare ai supplementari”.

Per concludere Mario parlaci un pò delle tue prospettive future?

“Ho allenato una scuola calcio locale, il Tecchiena, ed ora aspetto altre chiamate.bSpero sempre di venire ad allenare il Pisa, ma nessuno mi chiama”.

20140524-091426.jpg

By