Martina Taccini nuova presidente del Consiglio Comunale dei giovani studenti

PISA -, Si è svolta venerdì 16 novembre una interessante e, per certi versi, curiosa Seduta di un Consiglio Comunale diverso dai consueti, in quanto composto da giovani studenti.

di Giovanni Manenti

Questa iniziativa, promossa dalla Prof.ssa Maria Teresa Alfano, riguarda le Seconde Classi F e G dell’istituto di Biotecnologie Sanitarie “E. Santoni” è fa parte del progetto “Democrazia e Partecipazione nel Territorio”, presente alla seduta assieme al Dirigente scolastico Alessandro Bonsignori.

A fare gli onori di casa, nella Sala Regia di Palazzo Gambacorti – dove si svolgono le sedute del Consiglio Comunale – il Presidente del Consiglio stesso Alessandro Gennai, il quale ha illustrato agli studenti quelle che sono le Funzioni e l’Organizzazione del Consiglio, su come lo stesso è composto, tra consiglieri di maggioranza e minoranza, e su come si svolgono le sedute del Consiglio comunale, con la presentazione delle interpellanze e relative discussioni.

Ha successivamente preso la parola l’Assessore Rosanna Cardia, la quale ha illustrato ai ragazzi i compiti della Giunta comunale per l’assunzione delle relative delibere, prima di lasciare lo spazio al Preside dell’istituto “Santoni”, che ha evidenziato l’importanza di una tale iniziativa per il coinvolgimento dei ragazzi nella vita politica cittadina, che è stato deciso di limitare agli studenti delle Seconde Classi, ringraziando l’Amministrazione Comunale per la disponibilità concessa nell’abbracciare questa iniziativa.

“Quello che intendiamo mettere in atto – afferma la Prof. Maria Teresa Alfano – è uno strumento democratico che porterà i ragazzi ad esercitarsi nell’assunzione di decisioni che coinvolgono i rapporti e le relazioni su temi d’interesse e di attualità del mondo giovanile, da sottoporre successivamente alle competenti autorità, con l’obiettivo di valorizzare il contributo che i giovani possono dare alla realizzazione dei valori che animano e sostengono il progresso civile e sociale, promuovendo altresì la loro partecipazione all’attività istituzionale ed amministrativa del Consiglio Comunale di Pisa, come strumento di formazione alle regole del confronto democratico”.

Alcuni dei ragazzi hanno poi sottoposto alcune domande al Presidente del Consiglio Comunale per avere delucidazioni su alcune tematiche relative allo svolgimento dell’attività sua e del Consiglio in generale, per poi toccare alla vice Sindaco Raffaella Bonsangue portare il saluto ai ragazzi, ringraziandoli per l’impegno che metteranno nello svolgimento delle loro nuove funzioni, invitandoli ad avvicinarsi sempre di più alla vita politica cittadina poiché loro saranno i protagonisti della Pisa futura”.

“Avere visto i banchi del Consiglio Comunale occupati dai ragazzi è stato molto piacevole – ha detto l’assessore Rosanna Cardia – ed il senso di questo Progetto, portato avanti già da tre anni è quello di mettere in collegamento, sotto l’aspetto partecipativo, i giovani studenti con l’Amministrazione, ma anche viceversa, poiché il messaggio che ci possono dare anche come Amministratori ritengo sia fondamentale, nonché strumento di apprendimento da parte nostra. Noi come Amministrazione, ed io in particolare quale Assessore alla Pubblica Istruzione ed alle Politiche Socio educative, abbiamo il dovere di prendere questo Progetto estremamente sul serio, visto come lo è per i ragazzi ed è stato dimostrato dal clima che emozione e celebrazione che si è respirato questa mattina, unitamente al rispetto verso le Istituzioni che questi ragazzi hanno dimostrato”.

Si è quindi proceduto alle votazioni per l’elezione del Presidente del Consiglio Comunale dei giovani studenti, per il quale erano candidate Giorgia Paggi della 2F e Martina Taccini della 2G, con quest’ultima eletta con 24 preferenze rispetto alle 18 dell’altra candidata, ricevendo così anche la relativa fascia da parte del Presidente del Consiglio Comunale Alessandro Gennai ed alla presenza altresì del Sindaco Michele Conti, giunto in Sala per assistere all’investitura.

By