Massimo Cerri, Ds Alessandria a Pisanews: “Per vincere non dovremo sbagliare nulla”

PISA – Partita importante sabato prossimo all’Arena Anconetani dove il Pisa avrà di fronte un ‘Alessandria in gran forma che sta scalando le posizioni alte di classifica dopo un inizio di campionato stentato malgrado i favori del pronostico. A tal proposito Pisanews allo scopo di saggiare il clima in casa piemontese, ha contattato il direttore sportivo dei Grigi Massimo Cerri, piacentino, classe 1959, approdato nella società grigia proveniente dal Cosenza.

di Maurizio Ficeli

Cerri vanta anche un passato da calciatore a livello di C nel Piacenza, nel Teramo, nel Monopoli e nel Campania oltre che di allenatore delle giovanili e della prima squadra del Piacenza squadra della sua città natale prima di intraprendere il ruolo attuale di direttore sportivo.

D. Grazie per la sua disponibilità, domanda secca, più facile fare l’allenatore o il direttore sportivo?

R. “Mah, facile direi che non è nessuna delle due cose, ti posso solo dire che per me questo lavoro e’ una grande passione, in cui ho fatto prima il calciatore, poi l’allenatore ed il direttore sportivo. Certo, il ruolo di allenatore, specie del settore giovanile biancorosso, quando la prima squadra del Piacenza era in B ed in A mi ha aiutato nel mio ruolo attuale a capire sia i giocatori che ad aiutare l’allenatore quando serve”.

D. Passiamo a parlare dell’Alessandria, accreditata per il successo finale, ma che ha stentato ad inizio campionato, come mai?

R. “C’è stata una falsa partenza, abbiamo iniziato male collezionando qualche pareggio, poi è subentrata la sfiducia a causa delle sconfitte subite con Livorno ed Arezzo ed abbiamo dovuto cambiare allenatore per dare una scossa all’ambiente ed adesso stiamo migliorando notevolmente la nostra classifica”.

D. Oltre ad aver superato martedì scorso il turno nella gara di Coppa Italia al “Mannucci “con il Pontedera, soddisfatti?

R. “Sì, per noi quello era un obiettivo e siamo contenti di essere riusciti a raggiungere la finale di Coppa Italia e vogliamo assolutamente andare avanti anche in questa competizione dove affronteremo la vincente fra Cosenza e Viterbese”.

D. Passiamo al Pisa, prossimo avversario che cosa ricordi della gara di andata al “Moccagatta”?

R. “Noi abbiamo fatto una buona mezz’ora, dove andammo vicini al vantaggio, poi abbiamo subito il primo gol ad opera di De Vitis e da li poi ci siamo disuniti, poi venne il secondo gol. I nerazzurri fecero qualcosa in più di noi e portarono dalla loro parte il risultato,  in un periodo dove a noi andava male tutto”.

D. Che Pisa ti aspetti sabato prossimo all’Arena Anconetani anche alla luce delle due sconfitte subite dai nerazzurri?

R. “Premesso che giocare in un ambiente come Pisa con un pubblico caloroso come quello dell’Arena, per gli avversari non è mai facile, sicuramente avremo di fronte una squadra, formata da elementi di valore ed arrabbiata per le due sconfitte subite con Lucchese e Gavorrano, che vorrà riscattarsi da subito. Ci aspettiamo una gara ostica e difficile da affrontare con la giusta determinazione”.

D. Al di là del complesso, c’è qualche elemento in particolare che temi nella formazione allenata da Mister Pazienza?

R.”Conosco Maikol Negro, che lo scorso anno era al Matera, squadra nello stesso girone del Cosenza, dove ero direttore sportivo, che è un attaccante che può trovare il gol in qualsiasi momento, poi c’è Alessandro De Vitis, che è stato mio allievo nelle giovanili del Piacenza, che è molto bravo bravo negli inserimenti e nel gioco aereo. Ho avuto anche Francesco Lisi, cresciuto nel settore giovanile biancorosso, che ha poi giocato in prima squadra nel Piacenza in D, dove io ero il vice di Mister De Paola. Infine ho fatto esordire un giovanissimo Alexis Ferrante dagli Allievi alla Primavera, nel campionato 2009/10 nell’ultimo anno che il Piacenza ha fatto la serie B”.

D. Che gara sarà quella fra Pisa ed Alessandria?

R. “Mi immagino una gara di buon livello fra due squadre fisiche e tecniche, sarà una partita equilibrata che potrà essere decisa da qualche elemento importante di ambo le squadre”.

D. Questo Alessandria in serie positiva ci crede alla conquista del primo posto?

R. “Per il primo posto direi che siamo un pò lontani, noi puntiamo a migliorare la nostra posizione di classifica, preparandoci a disputare nel miglior dei modi i play off”.

D. Chi vede avvantaggiato nella lotta alla promozione diretta?

R. “Attualmente il Siena è la squadra che sta meglio, il Livorno ha subito una flessione e così ha fatto anche il Pisa, poi non bisogna assolutamente sottovalutare la Viterbese. Direi che la lotta per la conquista della prima posizione è aperta in egual misura a queste squadre”.

Foto tratta da nuovacosenza.com

By