Massimo Loviso a Pisanews: “Arrighini un valore aggiunto per il Pisa. In estate sarei venuto volentieri”

PISA – Nella settimana che porterà i nerazzurri di Mister Braglia ad affrontare l’impegnativa trasferta di Gubbio,abbiamo sentito il parere di un “pezzo da novanta” della squadra rossoblù, che è un ex del Livorno. Stiamo parlando di Massimo Loviso.

Loviso è bolognese di Bentivoglio, dove è nato il 9 aprile 1984 ed è un giocatore di esperienza che riveste il ruolo di centrocampista. In questa stagione ha già realizzato nove gol ed ha beneficiato in maniera positiva dell’arrivo del nuovo tecnico Leo Acori.

image

Grazie Massimo per la tua disponibilità: cominciamo a parlare del campionato del Gubbio come è la situazione rispetto al girone di andata?

“Rispetto alle prime 4 e 5 partite di inizio campionato, dove avevamo fatto appena due punti in classifica, diciamo che è cresciuto il gruppo, sia per ciò che riguarda i singolo e sia per ciò che riguarda la squadra nel complesso ed abbiamo voglia di crescere ancora però bisogna fare attenzione nell’affrontare il resto del campionato alle squadre che si stanno rinforzando con questo mercato di gennaio”

Stai parlando di mercato di gennaio: a tuo avviso chi si sta rinforzando di piu?

“In questo mercato che ancora non è terminato si è rinforzato il Pisa l’Ascoli e l’Aquila poi c’è da dire anche che un pò tutte le squadre faranno dei ritocchi sia a livello numerico che di qualità”

Hai detto che il Pisa ha fatto un bel mercato quale acquisto in particolare ti ha colpito?

“Arrighini mi ha colpito in particolare, perché è un valore aggiunto per la squadra nerazzurra e lo ha dimostrato già quando giocava nel Pontedera, ma il Pisa ha già in organico giocatori come Iori, Paci e poi Arma, anche se a Gubbio non sarà della partita ma senza nulla togliere a Rachid, che conosco personalmente, il Pisa in rosa ha senz’altro delle valide alternative”

Hai detto che conosci Rachid Arma personalmente:avete giocato insieme?

“Si, ho giocato insieme a lui per sei mesi nel Torino ed è una prima punta con qualità fisiche e tecniche evidenti”

Nel Livorno, tua ex squadra, in questo periodo è stato esonerato Mister Gautieri ed ora siede in panchina Ezio Gelain, promosso dalla squadra primavera amaranto alla prima squadra: che giudizio dai su questo avvicendamento?

“Sinceramente non conosco quali dinamiche possono aver portato a questo avvicendamento in panchina. Sicuramente quando c’è un cambio c’è sempre una motivazione. Io conosco il Presidente Aldo Spinelli personalmente ed è vulcanico ed istintivo, senz’altro sarà stata una sua scelta personale, è lui che decide e se ha deciso questo,in accordo poi col direttore sportivo, può darsi che qualcosa non andava poi il prosieguo del campionato darà risposte se la decisione sarà stata giusta o meno”

Siamo al girone di ritorno quindi oltre al Pisa avrai incontrato Ascoli,Aquila, Teramo e puoi dare un giudizio sulla consistenza di certe squadre. Vero?

“Mah parto dall’Aquila che ho incontrato ultimamente e ti dirò che mi è piaciuta come compattezza di squadra ed infatti ha battuto l’Ascoli che come il Pisa è considerato una corazzata in questo girone. Poi c’è da dire anche che la squadra abruzzese si è calata nella mentalità della Lega Pro e cìò non è cosa da poco”

Massimo Loviso ed il Pisa, c’erano rumors su un possibile “matrimonio”. Giusto?

“Si, quest’estate avevo parlato di Pisa col direttore Pino Vitale e sarei venuto molto volentieri.”

Ci fa piacere, detto da un ex amaranto, ma ci spieghi perchè?

“Perchè io cerco sempre di andare in squadre dove mi sento importante, ho fame di vittorie e per me venire in una piazza come Pisa sarebbe stato sicuramente un qualcosa di molto importante”

Ma domenica il Pisa lo affronterai ancora da avversario, che contromisure state pensando di prendere contro la squadra di Mister Braglia?

“Il Pisa sarà sicuramente caricato dalla vittoria contro il Santarcangelo e noi dovremo cercare di preparare ed affrontare questa gara sul piano dell’agonismo e della velocità. Il Gubbio quando ha aggredito gli avversari ed imposto i ritmi alti con intelligenza, ha sempre fatto ottime prestazioni. Quindi dobbiamo affrontare il Pisa con umiltà ed intelligenza, tenendo presente però che giochiamo fra le mura amiche e dobbiamo tornare a vincere”

E la Lucchese che avete affrontato domenica scorsa al Porta Elisa che squadra ti è parsa?

“La Lucchese è sicuramente una squadra ben organizzata, con davanti due attaccanti di stazza notevole, che sono un punto di riferimento per il loro gioco. Noi stavamo vincendo 1 a 0, però c’è da recriminare sul rigore dato alla Lucchese, anche se alla fine il pareggio è giusto. La squadra rossonera, senza nulla togliere a Guido Pagliuca ha trovato in Galderisi un grande motivatore e con lui la Lucchese ha fatto sette risultati utili consecutivi”

By