Matrimonio Rom. Susanna Ceccardi (Lega Nord): “No ai sussidi”

PISA – Il capannone ex Galazzo, nella zona industriale di Pisa, da tempo è dimora di extracomunitari e malintenzionati. Prima c’erano i maghrebini spacciatori, poi il testimone è passato in mano ai rom, che sabato pomeriggio hanno utilizzato gli spazi in disuso dello stabile addirittura per festeggiare un matrimonio.

image

Le forze dell’ordine ne hanno identificati 44: per alcuni di loro è al vaglio la proposta di allontanamento da Pisa. Due le riflessioni che sorgono spontanee; in primis viene da chiedersi come sia possibile che un edificio occupato più volte da extracomunitari e malviventi sia ancora alla portata di quest’ultimi. E poi: integrarsi non vuol dire rispettare le regole? Stato e Regioni si impegnano con sussidi e alloggi di lusso, ma la risposta dall’altra parte è spesso la solita. Inciviltà, strafottenza, nessun rispetto per le autorità italiane. E intanto il denaro pubblico viene speso per cibo, posti letto, schede telefoniche, sigarette. Soldi che potrebbero, per esempio, servire per riqualificare la zona dell’ex Galazzo, rendendola sicura e inaccessibile da chiunque voglia passarvi del tempo spacciando o “festeggiando” un matrimonio. Dalla periferia pisana arriva l’ennesima immagine di una Regione allo sbando, timorosa di imporre le proprie regole e sempre più annebbiata da un’ “accoglienza” carica di ipocrisia.

Fonte: Susanna Ceccardi – Lega Nord

By