Matteo Cavagna a Pisanews : “Pisa ottima squadra,il Prato non dovrà farsi distrarre dalla pressione dell’Arena”

PISA – Dopo la vittoria conquistata con tanta sofferenza e determinazione in quel di Cuneo, i nerazzurri di mister Carmine Gautieri stanno preparando con grande scrupolosita’un’altra gara importante, quella interna di domenica prossima 1 ottobre alle 20,30 contro il Prato. A tal proposito il nostro portale ha contattato telefonicamente un giocatore rappresentativo della compagine laniera. Stiamo parlando di Matteo Cavagna centrocampista torinese classe 1985, ormai da diverse stagioni al Prato.

di Maurizio Ficeli

D. Matteo grazie per aver accettato l’invito di Pisanews: come sta andando questo inizio di stagione al Prato?

R. “Direi abbastanza bene, sono arrivati dei discreti risultati e stiamo facendo ottime cose anche a livello di gioco, abbiamo un mister come Pasquale Catalano che ha le idee molto chiare, siamo una squadra giovane che punta a salvarsi, se verrà qualche cosa di più, meglio ancora. Inoltre noi giochiamo sempre schierando in campo 5 o 6 Under che stanno crescendo di partita in partita. A volte, potremmo anche peccare di gioventù, ma questo non è assolutamente detto, perchè anche i “vecchi” possono sbagliare”.

D. Hai parlato di under e di over, qual è il tuo parere su questa regola?

R. “Sulla vicenda degli under e degli over ritengo senz’altro che sia giusto che ci possa essere una lista, purché non crei dei limiti, ma crei un certo equilibrio fra squadre che giocano nello stesso girone”.

D. A proposito del girone, l’unica squadra delle tre accreditate per la vittoria finale che avete incontrato fino ad ora è il Livorno. Che impressione ti ha fatto?

R. “Una buonissima impressione, io credo che il Livorno abbia molte possibilità di vincere questo campionato e penso che sia la squadra più forte”.

D. Ed ora domenica prossima affronterete il Pisa, altra squadra accreditata per il successo finale. Come state preparando questa gara?

R. “Ci stiamo preparando su come affrontare noi stessi questa gara, come atteggiamento tattico ed agonistico. Poi il Pisa è una squadra con pedine assolutamente importanti, menomale per noi che non giocherà Masucci perchè è un ottimo giocatore, ma sicuramente a parte questa importante assenza la squadra nerazzurra ha senz’altro altri degni sostituti, quindi la musica per loro non credo che cambi molto”.

D. Riepilogando Matteo, quali sono, in ordine, le tue favorite di questo campionato?

R. “Livorno, Pisa ed Alessandria sono in ordine, le prime tre favorite secondo me, poi ci potrebbe essere qualche altra squadra come il Siena, che abbiamo affrontato in Coppa Italia e che è una compagine quadrata, ha una rosa esperta con nomi importanti che la fa essere rivelazione fino ad un certo punto e poi vedo bene la Pistoiese, anche se ha una rosa un pò più corta”.

D. Ritorniamo alla gara del Prato a Pisa, cosa non dovrete sbagliare nell’affrontare questa gara?

R. “Il Prato non dovrà farsi distrarre dalla pressione che potrà mettere uno stadio pieno di pubblico e tifo come quello dell’Arena, anche perché noi fino ad ora abbiamo giocato in stadi con poco pubblico”.

D. A proposito di stadio, state giocando le vostre gare “casalinghe” al “Mannucci” di Pontedera. V penalizza un pò questa collocazione?

R. “A mio avviso il fatto di giocare a Pontedera non è affatto penalizzante e poi per noi con il modulo di gioco che facciamo il campo in sintetico è ottimale. Inoltre c’è da dire che l’ambiente del tifo a Prato negli ultimi tempi si era un pò sfatto e quindi “emigrare” non penso sia stato un grande problema. Adesso dobbiamo cercare di riconquistare la tifoseria pratese con i risultati”.

D. Che gara ti immagini che sia quella di domenica fra Pisa e Prato?

R. “Mi immagino una gara, nella quale se noi saremo in palla ed azzecchiamo questa partita sia dal punto di vista agonistico e tecnico potremo dire la nostra, anche se sul risultato resta sempre l’incognita, perchè quando affronti squadre superiori a livello tecnico come il Pisa, se sbagli qualcosa, poi ti puniscono. A noi ci è già successo con il Livorno, anche se poi siamo riusciti a portare via un pareggio”.

Foto tratta da tuttocalciatori.net

By