Maurizio Nerini: “Turismo: ma di cosa stiamo parlando?”

PISA – Dopo i risultati dell’incontro per il turismo sul Litorale con l’assessore regionale Ciuoffo possiamo dare lui una notizia: il Litorale Pisano è tagliato fuori dalla Toscana almeno per quanto riguarda il turismo.

Ed è così per colpa dell’immobilismo delle giunte Fontanelli-Filippeschi che hanno il merito di aver agevolato la costruzione del Porto e della rivisitazione in chiave residenziale delle Colonie Fasciste lasciate in rovina per decenni, ma, come riescono a dire i due vassalli di turno, il vicesindaco Ghezzi e il presidente del Ctp1 Tursi, “ci sono delle criticità legate ai trasporti e alle infrastrutture”… ma va?

Se ne accorgono adesso?

E quando i due progetti, porto e colonie, procedevano spediti nessuno ci ha pensato?

Quante volte abbiamo chiesto per il Litorale nuove strade, che già ci sono ma difese da un ambientalismo sciocco, i parcheggi scambiatori promessi da 20 anni, la navigabilità dell’Arno che per Regio Decreto non c’è, il collegamento con l’aeroporto con almeno uno studio di fattibilità di un Trammino, tarpato dalla bella impresa del People Mover, ormai “tappo” per qualsiasi altra soluzione. Niente.

Abbiamo chiesto un “brand” per il Litorale già nel 2013 in sede di bilancio e ancora ci stanno studiando i cervelloni della Regione, un biglietto urbano per il Litorale e niente, abbiamo chiesto almeno un punto CicloPi per bike-sharing e ci hanno detto che non era conveniente, ma nel frattempo progettano ancora la ciclopista per arrivare al mare e sono sempre a 9 km da esso e “strizzano” via Livornese …”per fare andare più piano le auto”.

Abbiamo chiesto attenzione alle piccole cose, un punto informazioni turistiche vicino al porto, un servizio taxi …la manutenzione delle strade magari…e le sole asfaltature fatte sono state funzionali all’installazione delle strisce blu (per carità senza accento), le fontanelle non funzionano, le fioriere sono ormai lettiere sul Lungomare…l’antenna Gina si sta disgregando da sola aggredita dal salmastro…

Abbiamo chiesto una Piazza Viviani decente per accogliere i malcapitati fruitori del vicino Porto, ma non sono stati capaci in 20 anni nemmeno di …comprala!

Abbiamo chiesto che ci si prendesse cura delle devastanti spiagge di ghiaia con spianature programmate previste dallo stesso progetto, ma siamo ancora a parlarne.

Abbiamo anche creduto da 3 anni che si sarebbero spesi i 500mila € del Bilancio Partecipato sul Litorale, al CTP1 furono fatte anche delle liste e oggi il Tursi ha ancora il coraggio di chiedere le “priorità” alla gente…l’unica priorità e che lui e il PD abbiano la decenza di stare zitti, ma continua a bearsi dei 76mila e più altri 100 elargiti da PISAMO, ma presi direttamente dalle tasche dei Pisani con la tassa della sosta a pagamento.

Ma di cosa stiamo ragionando?

Non certo di “turismo” …prima c’è da ricostruire tutto…

Ma chi lo dice a Ghezzi che nella prima pagina del depliant “La costa di Pisa” la fotografia del Lungomare di Marina di Pisa è vecchia e non ci sono le devastanti ghiaie?
Dimenticanza, distrazione o volontà di nascondere un dato di fatto?

Questa gente non ha più niente da dare, anche se continueranno … a dire.

Tocca ad ognuno di Noi zittirli almeno con una croce sulla scheda elettorale.

Maurizio Nerini – Marinese

By