Maxi operazione delle fiamme gialle contro la criminalità organizzata in Campania a Roma e in Toscana

PISA – L’inchiesta è la più vasta realizzata finora sul clan ‘Contini’, ritenuto dagli investigatori fra quelli egemoni a Napoli e riguarda, in particolare, le operazioni di reinvestimento dei proventi economici di gruppi camorristici in imprese e operazioni economiche a Napoli e in altre zone della Campania, a Roma e in Toscana.

Polizia, Carabinieri e Guardia di Finanza stanno eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Napoli contro 90 persone – come si legge dall’Agenzia Ansa riportata dal quotidiano PisaInformaFlash.it – decreti di sequestro emessi dal Tribunale di Firenze, dalla Dda di Napoli e, nell’ambito di una procedura di prevenzione, dal Tribunale di Roma. I provvedimenti riguardano beni immobili e aziende controllati dal clan ‘Contini’.

Le indagini sono state coordinate dalla Procura nazionale antimafia guidata dal procuratore nazionale Franco Roberti e dirette dalla Dda di Napoli guidata da Giovanni Colangelo, da quelle di Roma per l’applicazione delle misure di prevenzione nella capitale e da quelle di Firenze per le perquisizioni e i sequestri relativi all’infiltrazione del clan camorristico nelle attività economiche e imprenditoriali toscane. Le indagini sono state condotte dalla Squadra mobile della Questura di Napoli, dal Gico della Guardia di finanza del capoluogo campano, dai Carabinieri di Roma, dal Centro operativo di Roma della Direzione investigativa antimafia e dal Nucleo di Polizia tributaria della Guardia di finanza di Pisa. Dodici le persone “indagate per i reati di riciclaggio e reimpiego di proventi illeciti nell’economia, nonché intestazione fittizia di valori, aggravati da finalità di agevolare organizzazioni mafiose”, secondo il GIP Angelo Pezzuti. Coinvolti esercizi pubblici di Pisa, il ristorante bar “La Passeggiata”di Viareggio, il ristorante a San Giuliano Terme ‘Salustri’, il ristorante – pizzeria ‘L’Imbarcadero’ a Marina di Pisa il ristorante pizzeria ‘Antico Vicoletto’, il ‘Ristopizza L’arciere a Pisa.

“L’operazione antimafia portata a termine oggi – ha dichiarato il Prefetto Tagliente, attraverso un comunicato della Prefettura – rappresenta un importante e ulteriore successo della lotta dello Stato contro la mafia e dimostra come la determinazione, delle Forze dell’ordine e delle Procure, garantisca risultati sempre più incisivi nello sradicamento della criminalità organizzata, anche a Pisa.

Consente inoltre – ha aggiunto il Prefetto – di confermare, ai cittadini ed agli operatori economici, l’attenzione e l’impegno delle Forze di Polizia e della Magistratura nella lotta alle infiltrazioni criminali mafiose sui nostri territori. Ringrazio il Questore Gianfranco Bernabei, il Comandante provinciale della Guardia di Finanza Marcello Montella e tutti gli operatori che hanno proceduto nella nostra Provincia con perquisizioni, denunce e sequestri di esercizi commerciali”

LA FOTO SOTTO E’ TRATTA DA CN24TV.IT

20140122-120426.jpg

You may also like

By