“Il mercato del lavoro dopo il Jobs Act” alla Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa

Pisa – Lunedì 13 novembre alle ore 17.00 presso la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa si terrà il dibattito  Il mercato del lavoro dopo il Jobs Act, organizzato da CEST – Centro per l’Eccellenza e gli Studi Transdisciplinari, in collaborazione con Centro Luigi Einaudi e Associazione degli Allievi della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa e vede coinvolti come relatori Andrea Ichino, European University Institute, Antonello Motroni, Mefop e Michele Pellizzari, Università di Ginevra.

Il tema che si affronterà è quello del mercato italiano del lavoro, che ormai da molti anni caratterizzato da una forte e profonda divisione: da un lato, una parte di lavoratori tutelati dal contratto a tempo indeterminato, con elevate garanzie e condizioni lavorative stabili; dall’altro, un gruppo sempre più ampio di persone occupate con contratti a tempo determinato o di lavoro autonomo, caratterizzati da minori tutele e condizioni lavorative mediamente peggiori.

È questo il quadro in cui si è andata ad inserire la riforma del lavoro nota come Jobs Act. A due anni dalla sua introduzione, NEOS Magazine ha redatto la pubblicazione Jobs Act. Il mercato del lavoro due anni dopo, curata da Francesco Beraldi, Università di Torino e Collegio Carlo Alberto e Ivan Lagrosa, Università Bocconi e IGIER. I due curatori fanno parte del team di NEOS, acronimo per Notizie Economia Opinioni Soluzioni, e del consiglio direttivo del CEST – Centro per l’Eccellenza e gli Studi Transdisciplinari, due realtà giovani composte da studenti e neo-laureati under 30, accomunati dalla passione per le tematiche di stampo economico-giuridico.

Dopo la prima presentazione nel giugno scorso presso il Campus Luigi Einaudi di Torino, è Pisa ad ospitare il secondo dibattito, organizzato dal CEST, in collaborazione con il Centro di Ricerca “Luigi Einaudi” di Torino e con l’Associazione Allievi della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, in programma lunedì 13 novembre alle ore 17 presso la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa (Aula 3; Piazza Martire della Libertà 33). L’iniziativa Il mercato del lavoro dopo il Jobs Act  vede la partecipazione di Andrea Ichino, European University Institute, Antonello Motroni, Mefop Michele Pellizzari, Università di Ginevra. Introduce Francesco Beraldi, Collegio Carlo Alberto e membro del CEST; modera Ivan Lagrosa, Università Bocconi e membro del CEST.

Se da una parte sempre più spesso i commentatori individuano il futuro del nostro Paese nella spinta innovativa delle giovani generazioni e nella capacità di scongiurare la cosiddetta “fuga dei cervelli”, molto più raramente si indaga davvero a fondo su come venga percepita questa responsabilità da parte loro. Proprio per provare a rispondere a una tematica calda che li riguarda in prima persona, come la riforma del lavoro, alcuni studenti e giovani ricercatori di diversi atenei e Scuole di Eccellenza italiane si sono interrogati su quanto avvenuto in Italia, anche alla luce di un confronto europeo. L’intento è quello di trattare tematiche di attualità politica ed economica attraverso analisi di stampo accademico, ma dal profilo divulgativo. 

La pubblicazione che ne è derivata è anzitutto espressione di una pluralità di voci e prospettive: ospita analisi, grafici e info-grafiche realizzati dagli studenti, accanto a interviste e contributi di alcuni tra i più importanti studiosi italiani del mercato del lavoro, quali Tito Boeri, Elsa ForneroDaniela Del BocaMaurizio FerreraPietro GaribaldiAndrea IchinoPiero Martello e Alessandro Rosina. 

Nel mese di novembre è prevista la pubblicazione della versione inglese del report, dal titolo Jobs Act. The labor market two years later.

Jobs Act. Il mercato del lavoro due anni dopo è stato realizzato in collaborazione con il CEST – Centro per l’Eccellenza e gli Studi Transdisciplinari, con il contributo del Collegio Carlo Alberto e del Centro di Ricerca e Documentazione “Luigi Einaudi” di Torin

Loading Facebook Comments ...
By