Mercato di Navacchio, Favale replica a ConfCommercio

CASCINA – L’assessore al turismo Patrizia Favale risponde alla Fiva ConfCommercio sul mercato di Navacchio.

Il percorso per la riqualificazione del mercato di Navacchio è stato lungo e tortuoso, ma dal momento del mio insediamento ho lavorato costantemente a questo progetto incontrando le Associazioni di Categoria e gli ambulanti, al fine di capire le problematiche che da oltre 10 anni  attanagliano il mercato di Piazza La Pira. I due progetti, presentati agli ambulanti sono frutto di un grande impegno dell’ufficio commercio, con il supporto dell’Ufficio tecnico comunale e della Polizia Municipale; e presentano degli adeguamenti dal punto di vista di sicurezza, con una via di fuga centrale per i mezzi di Soccorso, e una migliore disposizione dei banchi. L’attuale amministrazione ha teso sempre la mano verso i commercianti del territorio riducendo la Cosap, fino a – 50%, sia per le occupazioni abituali che per quelle occasionali, ed avviando un monitoraggio per migliorare la raccolta differenziata dei rifiuti, e individuando una postazione al di fuori del mercato stesso. La decisione di ascoltare democraticamente gli ambulanti con il sondaggio, dimostra il rispetto che l’attuale amministrazione ha nei confronti degli ambulanti e del proprio lavoro.

Credo- replica l’assessore Favale – che dare la parola al popolo, a chi di quel mercato vive o vorrebbe tornare a vivere, sia il modo migliore, per dimostrare che veramente vogliamo che  quel mercato possa ripartire, dando a loro, tutto il supporto che meritano e che abbiamo sempre dimostrato in questi anni.

Queste erano state le dichiarazioni di Fiva Confcommercio

“Non ci presteremo a fare da paravento a squallide operazioni di facciata che niente hanno a che vedere con la riqualificazione del mercato e per questo motivo respingiamo l’invito al mittente”. Franco Palermo presidente della Fiva ConfcommercioPisa e Alessio Giovarruscio coordinatore sindacale di Confcommercio non hanno nessuna intenzione di partecipare all’incontro organizzato dal comune di Cascina sul mercato di Navacchio il prossimo lunedì 3 febbraio.

“Della serie la farsa continua, non ci presteremo a prendere in giro gli operatori, dopo 18 mesi trascorsi in incontri e tavoli istituzionali di ogni tipo, a partire da una proposta di restyling dello stesso assessore al commercio Patrizia Favale, proposta che abbiamo immediatamente sposato perché confacente agli interessi generali del mercato e degli stessi operatori” – proseguono Palermo e Giovarruscio: “Purtroppo con un clamoroso e ingiustificato dietrofront della stessa Favale, il cui effetto è stato quello di alimentare interessi parziali e comunque divisivi, mettendo gli operatori gli uni contro gli altri, il risultato ottenuto con questo indegno e pavido temporeggiare, procrastinando ogni intervento di miglioria, è stato quello di lasciare gli operatori in balia di un mercato sempre più malmesso, inadeguato e scarsamente remunerativo. Una vergogna, aggravata dall’impegno di uomini e risorse degli uffici comunali, con il risultato di un bel nulla di fatto”.

“Ora, sarà pur vero che come dice il proverbio a “Carnevale ogni scherzo vale”, ma scherzare sulla pelle degli operatori questo proprio non lo possiamo in alcun modo ammettere né accettare” – concludono Palermo e Giovarruscio: “Inutile ribadire che l’opzione del sondaggio è irresponsabile, pretestuosa, iniqua, rancorosa, non mira all’interesse generale ma ottiene solo l’effetto di penalizzare ingiustamente gli operatori di via Brodolini senza portare alcun ulteriore e reale beneficio al mercato stesso e conferma inequivocabilmente che l’unica scelta possibile e sensata sono le dimissioni dell’assessore Favale”.

By