“Mi voleva la Juve”, l’ultima fatica teatrale di Gianfelice Facchetti

PISA – Si è svolta presso la sala “Chiara Baldassarri” del Comune di Pisa, la conferenza stampa di presentazione dell’ultima fatica teatrale di Gianfelice Facchetti, figlio del celebre campione di calcio degli anni ’60 e ’70, Giacinto Facchetti.

di Giovanni Manenti

Con quest’opera Facchetti narra le vicende, interpretate sul palco dall’effettivo protagonista della storia – che diventa pertanto una specie di racconto autobiografico – vale a dire l’attore Giuseppe Scordio, di un ragazzo che, un po’ come tutti nell’età dell’adolescenza, ha come svago il tirar due calci ad un pallone sui campi del Quartiere Stadera di Milano e, dimostrando di avere delle buone qualità, sogna di poter un giorno arrivare nel Grande Mondo della Serie A.

image

Un sogno che pare potersi realizzare allorquando la Juventus lo invita ad un provino, ma poi la tanto sospirata chiamata per far parte della squadra bianconera non arriva ed il protagonista deve convivere con una difficile realtà socio-familiare in una Milano che scopre la droga, le rapine e la malavita in generale, tanto da venirne pesantemente coinvolto nella figura di un fratello che cade nel tunnel dell’eroina.

Cosa consentirà a Giuseppe di emergere da questo buio tunnel sarà l’incontro con Giulio Bosetti, famoso attore teatrale che lo introduce nell’ambiente e rappresenterà per lui una sorta di “secondo padre” (avendo quello naturale abbandonato la famiglia quando lui era in tenera età ..) con cui, oltre alla passione per questa nobile arte andrà a condividere – in una magica “liaison” con la parte introduttiva dell’opera – anche l’amore per il pallone, uno (Bosetti) tifoso dell’Atalanta e l’altro (Giuseppe) supporter interista.

Il tutto raccontato e riadattato dalla ironica Regia di Gianfelice Facchetti, il quale ha voluto, con questa “piece”, attirare al Mondo del Teatro soprattutto i più giovani, trattando in un unico momento tematiche di estrema attualità come i sogni infantili, la ricerca del successo, le dure prove cui ti sottopone la vita ed infine il potersi affermare attraverso le proprie qualità e capacità.

Novità assoluta rispetto alle altre rappresentazioni, sarà per l’Edizione Pisana la partecipazione sul palco del Gruppo Ensemble musicale “Voices in the Wind”, per il quale era presente in Conferenza Stampa il Presidente Luca Carmignani, che unitamente al coretto dei “Ragazzi del Caregivers” eseguirà una canzone introduttiva della successiva opera teatrale.

Tale collaborazione, come enunciato dalla Presidentessa del “Coordinamento Etico Caregivers”, Maria Antonietta Scognamiglio, nasce dalla volontà di aiutare tale ente umanitario rivolto alle persone disabili, cui difatti verrà devoluto la metà dell’incasso che servirà a finanziare i progetti dell’Associazione e che, per il prossimo anno risultano indirizzati verso la “Agricoltura Sociale ed Accessibilità con serre ed aiole rialzate”. Tale lodevole impegno ha ricevuto altresì il patrocinio del Comune di Pisa, come sottolineato in chiusura di conferenza dall’Assessore alle Politiche Sociali, Ferrante.

E’ questa una ragione di più, oltre all’interesse specifico per un’opera teatrale di largo interesse e che è andata in scena sin dal maggio dello scorso anno 2014, per non mancare alle tre rappresentazioni presso il Teatro Lux, Piazza Santa Caterina 6, nei giorni di Venerdì 16 ottobre (ore 21,00), Sabato 17 ottobre (ore 21,00) e Domenica 18 ottobre (ore 17,30).

By