Michele Conti: “Il presidente Corrado mi ha aggiornato sulla trattativa del gruppo Knaster – Legend. La variante stadio ha reso importante questa location per gli investitori”

PISA – Il Sindaco di Pisa Michele Conti, è stato ospite della Trasmissione “Il Nerazzurro” in onda dagli studi di 50 canale, ed ha fatto il punto sulla questione dell’ingresso di una nuova proprietà e sulla ristrutturazione dell’Arena, con uno sguardo agli ultimi risultati positivi della compagine guidata dal tecnico Luca D’Angelo.

di Maurizio Ficeli

Il primo cittadino inizia dando uno sguardo al campionato del Pisa: “Ci fa molto piacere che la squadra stia andando bene, peccato che il pubblico non possa essere presente allo stadio. Confrontandomi con altri colleghi sindaci, essi conoscono ed apprezzano Pisa anche per la passione che ha il numeroso pubblico pisano“.

Incontro Sindaco – Corrado: “Durante il colloquio, il Presidente mi ha aggiornato circa questo grosso interesse di questo gruppo Knaster e Legend , di cui ha ampiamente parlato la stampa, anche se ancora non c’è una chiusura della trattativa. Bisogna ringraziare Ricci e Corrado per essere riusciti a coinvolgere gruppi importanti rendendo la piazza di Pisa appetibile“.

Variante Stadio. “Il nostro lavoro ha pagato e ha portato i suoi frutti, rendendo la nostra città attrattiva. Credo che dalla Torre si vede lo stadio e viceversa, e proprio questo è un motivo di attrazione per gli investitori, mentre se avessimo lasciato costruire uno stadio in aperta campagna (Ospedaletto) non ci sarebbe stata questa attrattiva. Del resto per costruire uno stadio ad Ospedaletto, non si è mai presentato nessuno per anni. Questa fu una scelta degli anni novanta, quando si pensava di costruire stadi lontano dai centri abitati “.
Il sindaco di Pisa rafforza il concetto:” Noi abbiamo pensato di portare lo stadio dove è sempre stato lo stadio, cioè l’Arena Garibaldi,perché questa variante ha reso importante questa location anche a dimostrazione che la nostra città nella costa è attrattiva per investimenti importanti e per avere una infrastruttura moderna che potrà avere una destinazione polivalente oltre al calcio. Quindi, se la trattativa del passaggio della proprietà andrà avanti, poi verrà tutto il resto. Inoltre, se si arriva in fondo, questo stadio sarebbe una sorta di faro per il centro Italia”.

Sugli investitori: “Importanti gli attori, sia della parte calcistica che di quella immobiliare. Noi abbiamo bisogno di avere questi investitori, quello che ho chiesto al Presidente Corrado è che la struttura sia soprattutto per la squadra. Poi le amministrazioni devono dare degli indirizzi, mentre la parte imprenditoriale la deve attuare chi lo fa di mestiere“.

Sulla società. “Il fatto che abbia alle spalle figure importanti come Ricci e Corrado, che hanno fatto investimenti importanti e’ una cosa lodevole. Poi ringrazio gli assessori Dringoli e Latrofa che hanno lavorato molto su questa variante. Ripeto, questa deve essere una città attrattiva e per questo stiamo lavorando con una pianificazione in tal senso perché Pisa ha una attrattivita’ che va assolutamente incentivata“.


Sui ricorsi del gruppo Città Ecologica: “Questo gruppo fa ricorsi un po’ ovunque, è il loro mestiere, anche se questo ricorso non ha avuto la sospensiva. Non si può sempre essere contro tutti e tutto bisogna avere un atteggiamento collaborativo. Comunque problemi non ve ne sono, il progetto va avanti“.

Gruppo Legend: “E’ un fondo immobiliare che investirebbbe soldi in ristrutturazioni ed eventi“.

Questione PEF. “Bisogna che prima si attui il passaggio di proprietà, poi, approvato il Pef che è il perno di tutta la situazione, ci sarà un percorso di carattere tecnico, con un passaggio in giunta, dopodiché gli uffici preposti potranno rilasciare i permessi per iniziare i lavori. Della ristrutturazione dello stadio ne gioverà anche tutto il quartiere di Porta a Lucca“.

By