Michele Marcolini: “Il Pisa che mi aspettavo. Il secondo gol avrebbe potuto ammazzarci”

PISA – Al termine di Chievo – Pisa parla anche il mister dei veneti Michele Marcolini.

 di Maurizio Ficeli 
“Mi sono trovato di fronte il Pisa che mi aspettavo” – esordisce così il tecnico originario di Savona – conosco Luca D’Angelo e so quello che riesce a creare con i suoi gruppi e quindi sapevo che mi sarei trovato davanti una squadra compatta e ben organizzata. Inoltre conosco bene anche Michele Marconi che ha confermato tutto ciò che di buono ha fatto con me ad Alessandria”.
Sulla propria squadra il tecnico scaligero afferma: “Abbiamo fatto una buona partita anche se al primo episodio siamo andati sotto. È un gol rivedibile e troppo semplice e da lì abbiamo fatto un po’ fatica anche se abbiamo avuto una occasione importante con Meggiorini e da lì abbiamo continuato a mantenere un buon possesso di palla anche se son siamo stati tanto ficcanti, poi il secondo tempo è stata la fotocopia del primo con una partenza forte con una super occasione da gol da parte di Segre con grande parata di Gori. Poi prima azione del Pisa e 2 a 0 per loro. Ecco, quel gol avrebbe potuto ammazzarci ed invece abbiamo cambiato qualcosa subendo per una decina di minuti perché la botta è stata forte, e la squadra è stata fenomenale, ha creato tantissimo e poi ha concretizzato. Abbiamo segnato due gol ma a livello di occasioni potevamo farne 4 o 5 e ciò da grande risalto alla nostra prova, mentre non bisogna dimenticare che il Pisa fino ad ora aveva subito solo 1 gol sul vantaggio di 3 a 0 con la Cremonese quindi tutto ciò va a grande merito della mia squadra”.
By