Michele Pazienza carica il derby: “Mi aspetto dai ragazzi un altra grande prova”

PISA – Alla vigilia del derby contro il Livorno parla il mister nerazzurro Michele Pazienza.

di Giovanni Manenti

“Dal punto di vista del lavoro è stata una settimana normale – esordisce Pazienza – i ragazzi si sono allenati bene ed arriviamo a questa partita importantissima nelle condizioni giuste, grazie anche al successo di Piacenza. Speriamo che non ci sia un surplus di tensione agonistica perché si rischia di arrivare troppo carichi alla partita e questo potrebbe essere controproducente”.

Il mister parla della situazione degli infortunati: “De Vitis è pienamente recuperato, mentre per Negro valuteremo dopo la rifinitura. Io ho lavorato su attività specifiche senza preoccuparmi delle qualità del Livorno anche se il fatto che loro segnino nei minuti finali è un altro aspetto che non dovremo sottovalutare. Questo tipo di partite si vincono sia di testa che di gambe ma non posso valutare le percentuali in merito, mentre anche se le cifre dicono di un Pisa incerto in casa e forte in trasferta, confermo come spesso gli episodi (favorevoli o meno) possono condizionare l’esito di una singola gara, anche se è vero che talvolta abbiamo avuto un approccio non positivo alla gara davanti ai nostri tifosi”.

Il tecnico nerazzurro parla delle condizioni di Masucci: “In questo momento Masucci gode di una forma fisica che e’ superiore agli altri ed è per questo che si trova con più facilità in zona gol, ma quello che io chiedo come più volte ripetuto è una corretta occupazione degli spazi affinché anche i centrocampisti possano andare con più frequenza al tiro”.

Pazienza si aspetta molto dai suoi ragazzi: “Anche se è una gara importante non la possiamo definire decisiva ed anche se il risultato sarà una componente fondamentale quello che posso dire è che mi aspetto una grande prestazione da parte dei ragazzi, anche se ovviamente dobbiamo migliorare sul piano dell’intensità per raggiungere un equilibrio di squadra che duri per tutti i 90 minuti”.
Il tecnico nativo di Foggia fa il punto dopo il primo mese di lavoro con la squadra dopo l’esonero di Gautieri: “Nel percorso di crescita della squadra in questo mio mese di lavoro non posso dire a che percentuale di crescita siamo ma quello che mi sento in grado di affermare è che sono fiducioso sul cammino di crescita in quanto vedo che i ragazzi mi stanno seguendo”.

By