Michele Pazienza: “Ho visto una squadra ferita. Io a rischio? Fa parte del nostro mestiere”

PISA – Alla vigilia della sfida contro L’Alessandria parla il tecnico nerazzurro Michele Pazienza.

di Giovanni Manenti

“Le ultime due settimane sono state le più difficili della mia gestione e ciò toglie un po’ di serenità, ma l’importante è reagire e la gara contro l’Alessandria può essere importante in questa ottica”.

“Gli atteggiamenti in settimana sono cambiati, ho trovato una squadra ferita ma che ha saputo reagire per dimostrare che non siamo quelli di Gavorrano, facendo anche una sana autocritica”.

“Anche il Presidente si è fatto sentire, in maniera diretta come è giusto che sia quando non vengono i risultati attesi”.

“Eusepi è recuperato ed è convocato, non saranno del match contro l’Alessandria sia Carillo che Ingrosso, con quest’ultimo per il quale i tempi di recupero non sono facilmente prevedibili”.

“Per il fatto che noi abbiamo difficoltà con le piccole squadre ed il fatto che in rosa abbiamo giocatori di qualità che possano trovarsi a disagio contro avversari di minor livello tecnico, sono proprio gli stessi che devono dimostrare di avere le qualità per calarsi nella realtà del campionato”.

“Se mi chiedete se le mie scelte sono condizionate da interventi esterni da parte della Società, la mia risposta è no nella maniera più assoluta”.

“Negro è un giocatore in cui ripongo la massima fiducia, le sostituzioni sono solo una questione fisica, mentre per l’aiuto da parte dei giocatori di maggiore esperienza, ciò è già avvenuto in passato e mi auguro che possa avvenire anche domani, partita indubbiamente più facile da preparare rispetto ad una gara contro una formazione di bassa classifica, in ordine alla quale non posso nascondere che potrebbe essere decisiva anche per la mia posizione, circostanza che fa parte del mestiere di allenatore come è noto a tutti”.

By