Michele Stefanelli è il nuovo Comandante della Polizia Municipale di Pisa

PISA – E’ questo lo slogan con cui si è presentato questa mattina agli Organi di informazione, presso la Sala Stampa “Chiara Baldassarri” di Palazzo Gambacorti, il Dr. Michele Stefanelli, nuovo Comandante della Polizia Municipale di Pisa, il quale ha preso servizio dal 27 marzo scorso.

di Giovanni Manenti 

Lo stesso è stato introdotto dal Sindaco Marco Filippeschi, il quale “nel ringraziare l’Avv. Pietro Pescatore per l’attività svolta nel periodo di vacatio per l’impossibilità del Dr. Stefanelli di assumere l’incarico per un mero impedimento di Legge, sono altresì contento di poterlo oggi presentare in quanto, lasciata valida la graduatoria a suo tempo stilata, al momento in cui si è presentata la possibilità di poterla riattivare, lo stesso ha confermato la propria piena disponibilità, confermando la validità della nostra scelta, ricaduta su persona con già alle spalle positive esperienze su Pontedera ed i Comuni della Valdera”. “Le priorità che ci siamo date”, ha proseguito il Primo Cittadino, “sono legate al Patto per la Sicurezza Urbana che va rinnovato e che si presenta molto completo, impegnativo e stringente sugli obiettivi, e nel quale dovranno essere contenute le disposizioni in materia dell’allargamento dei poteri ai Comuni previsti dalla cd. Decreto Minniti, in corso di conversione in Legge, misure da condividere con Prefettura e Questura e da allargare anche ai Comuni della Provincia, pur se gli stessi hanno minori problematiche rispetto alla nostra città”.

“Quali siano i problemi cittadini”, ha continuato il Sindaco, “sono ben noti a tutti, a partire dalle vicende legate alla vita notturna ed alla movida, al degrado della zona della Stazione – in ordine alla quale contiamo sul buon esito del piano di riqualificazione attraverso un progetto di recupero urbano e volto ad una maggior sicurezza, con la speranza che l’area divenga nuovamente appetibile – all’abusivismo commerciale (in merito al quale intendiamo regolamentare gli orari di apertura/chiusura dei negozi, in particolare dei Minimarket, onde limitare anche il commercio di alcoolici), agli insediamenti abusivi – per i quali la situazione è nettamente migliorata avendo superato le problematiche relative ai campi della Bigattiera e di Putignano – ed, infine, la questione del decorso relativo alla sporcizia e delle mura imbrattate, così come legato ai parcheggiatori abusivi, tutte questioni per risolvere le quali cercheremo di radicare sempre più la Polizia Municipale nei quartieri, intensificando la video sorveglianza ed il livello dei controlli all’esterno delle Scuole”. “Per quanto attiene alle risorse umane”, ha concluso Filippeschi, “è previsto il reintegro delle persone collocate in quiescenza con un aumento di organico di altre cinque persone, che non è poco rispetto alle attuali possibilità, nella speranza che con l’attuazione del Decreto Enti Locali ci sia fornita l’opportunità di incrementare detta quota”.

Nel prendere la parola, il Dr. Stefanelli ha esordito citando “il motto “A noi è affidata la città” è quello che ho sempre tenuto come esempio per il mio lavoro, in quanto il nostro dovere è quello di farsi carico dei problemi cittadini, con elevato senso di responsabilità ed, attraverso volontà ed impegno, essere in grado di dare risposte alla città, ed aver assunto questo incarico a Pisa significa accettare la sfida”. “In questa prima settimana di insediamento”, ha proseguito il Comandante, “ho trovato una struttura pronta e disponibile a lavorare, con un livello tecnologico all’avanguardia, per cui ritengo che vi siano ampi margini di miglioramento, a me personalmente piace toccare con mano la realtà e quindi spero vi sia anche la massima collaborazione con le altre forze di Polizia presenti sul territorio, anche perché è mia convinzione che la capacità di capire un territorio sia inversamente proporzionale alla velocità di movimento, intendendo con questo dire che occorre un periodo di medio termine per la relativa analisi e verifica della situazione per poter dare delle risposte certe”.

“Quanto agli organici”, ha concluso Stefanelli, “sappiamo che 133 unità sono pochi, abbastanza al di sotto della media nazionale, basti pensare che rapportata a quella che è la situazione di Firenze, dovremmo avere una struttura di almeno 180 addetti, considerando come vi siano aree – Piazza dei Miracoli, Aeroporto, Stazione ecc. – con elevato afflusso di persone a cadenza giornaliera, ma ciò non deve costituire un alibi per la sfida che abbiamo accettato – ed in ordine alla quale ho trovato forte spirito collaborativo da parte degli Ispettori – ma è altresì necessaria una sensibilizzazione ai problemi da parte dei singoli cittadini, che devono anch’essi fare la loro parte e mettersi in gioco per voler migliorare la città, in quanto il nostro obiettivo è in fondo semplice, vale a dire quello di rendere la vita al cittadino più tranquilla possibile, riappropriandosi della città ed in questo senso andrò personalmente nelle varie Circoscrizioni per rendermi conto delle problematiche, secondo un mio altro slogan, “Capire per agire”, in quanto se prima non si capisce e non si ha l’esatta percezione dei fenomeni, è molto difficile poi poter trovare la strada giusta per affrontarli con successo”.

Un affettuoso “in bocca al lupo”, Dott. Stefanelli, ci ha fatto piacere che Lei abbia accettato questa sfida, ma ce ne farà ancor più se riuscirà a vincerla !! …

By