Ministero-Lega Pro fanno chiarezza sul Voucher per i tifosi

PISA – L’Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive del Ministero dell’Interno e la Lega Pro fanno chiarezza sul Voucher per i tifosi.

L’’attenzione si focalizza sul Comunicato Ufficiale n.208/L del 13 giugno 2012 che fa chiarezza in maniera inequivocabile relativamente alla Supporters Card (ex Tessera del Tifoso) e alla impossibilità a livello di Lega Pro, di emettere voucher sostitutivi della stessa.

Il Consiglio Direttivo della Lega Pro, riunitosi lo scorso 9 marzo, ha approvato il nuovo progetto della Tessera del tifoso di Lega Pro, denominato Supporter Card, entrato in vigore dal 1 luglio. Secondo tale progetto tutte le società di Lega Pro sono tenute ad aderire e non sono assolutamente consentite iniziative autonome.

Secondo la determinazione n.26 del 30 maggio scorso è stato stabilito che l’utilizzo di un voucher elettronico abbia effettività solo se concordato con la Lega di appartenenza. Bene, le Lega Pro, tramite una comunicazione ufficiale inviata a tutte le proprie società, ha deciso di non adottare tale strumento ma di utilizzare bensì la Supporter Card come unico supporto.

Inoltre, per fare ulteriore chiarezza, il c.d. voucher elettronico secondo la determinazione n.5 del 1 febbraio 2012, ove consentito, si deve presentare a tutti gli effetti come una vera e propria tessera del tifoso “con le stesse caratteristiche tecniche e i requisiti per il rilascio con l’autolimitazione dell’utilizzo nelle sole gare casalinghe”. Anche per il voucher infatti è necessario il passaggio dei dati del richiedente al C.E.N. per la verifica dei requisiti ostativi. Per questo motivo la Lega Pro ha deciso di predisporre un unico strumento, la Supporter Card che “prevede tutti i requisiti necessari sia nel caso di richiesta di un numero di biglietti come previsto nel voucher, sia per avere titolo ad assistere, acquisendo un biglietto, alle partite fuori casa”

You may also like

By