Il Ministro Fontana a Pisa: “La Lega come partito dell’amore”. Ziello: “Pisa come modello di Governo per Roma”. Le foto

PISA – Di fronte ad una platea numerosa, si è tenuto sabato 23 febbraio presso le Officine Garibaldi, l’incontro pubblico con il Ministro per la Famiglia e le disabilità Lorenzo Fontana, presente sul palco assieme al Sindaco di Pisa Michele Conti, l’Assessore alle Politiche Sociali Gianna Gambaccini, il Deputato Edoardo Ziello ed il Commissario della Lega per la Toscana, nonché Sindaco di Cascina, Susanna Ceccardi.

di Giovanni Manenti

Quello che fosse il significato della visita del Ministro Fontana a Pisa, lo ha ricordato l’On. Edoardo Ziello: “Pisa sta diventando un modello di Governo per la Lega a livello nazionale ed è perciò evidente che l’attenzione dei rappresentanti politici che occupano cariche ministeriali sia focalizzata su questa città e la visita del Ministro Fontana è volta sia ad incontrare i nostri Amministratori e Consiglieri comunali così come per fare il punto della situazione sulle problematiche principali che attanagliano la città e che noi, con tanta forza di volontà, stiamo cercando di risolvere”.

“Il messaggio del Ministro come quello di tutto il nostro Movimento”, conclude Ziello, “è che la Lega pensa al sociale, al lavoro ed a quelle tematiche che sono state totalmente dimenticate dal Partito Democratico tradendo i propri elettori storici, quali gli operai ed i contadini, persone che avevano bisogno, mentre ora lo sono divenuti i poteri forti come i banchieri ed i finanzieri, e noi siamo l’unico Partito che sta dando delle risposte dirette ed immediate, talvolta anche semplici a coloro che si sono sentiti traditi dal Partito democratico e dalla Sinistra in generale” …

A moderare l’incontro, Salvatore Pisano, Amministratore Unico della “Navicelli di Pisa Srl”, il quale, dopo aver ricordato quello che anche la Società da lui amministrata svolge in favore delle fasce più deboli, ha introdotto i vari protagonisti dell’incontro, dando per primi la parola all’Assessore Gianna Gambaccini (che non ha voluto rinunciare all’appuntamento nonostante fosse stata colpita dal grave lutto della perdita della madre) ed al Sindaco Michele Conti, con quest’ultimo che, oltre a fare il punto sui progetti su cui sta lavorando assieme alla Società della Salute (di cui la Gambaccini è altresì Presidente, ndr) per “fornire aiuti concreti ai disabili e non ha coloro che vi gravitano incontro”, tra cui quello di istituire un Centro di riabilitazione nella piana pisana onde evitare il disagio per molte famiglie di doversi recare presso la struttura di Volterra, ha inteso “ringraziare pubblicamente il Ministro Fontana per le battaglie che sta portando avanti a favore delle famiglie che hanno al loro interno soggetti disabili”.

E’ stato quindi il turno, prima di ascoltare le considerazioni del rappresentante del Governo, dell’On.le Edoardo Ziello e del Commissario Regionale Susanna Ceccardi, i quali, all’unisono, hanno puntato il dito sulle politiche scellerate della Sinistra italiana, “la quale ha ribaltato quelli che erano i suoi antichi valori, come le periferie ed i soggetti meno abbienti, una sinistra divenuta col tempo snob e perbenista, che ha fatto sì che gli Italiani si scontrassero gli uni contro gli altri facendo entrare nel Paese centinaia di migliaia di migranti che non hanno fatto altro che togliere ulteriori spazi occupazionali ed assistenziali a quegli ultimi che, viceversa, avrebbero dovuto tutelare”.

“La nostra rivoluzione”, hanno entrambi sottolineato, “è stata semplicemente quella di far aprire gli occhi alle persone dicendo la verità, ed altrettanto rivoluzionaria è stata la costituzione del Dicastero per la Famiglia e le disabilità, con lo specifico compito di creare un settore interamente dedicato ad aiutare chi più ha bisogno ed a favorire la formazione e la crescita delle famiglie nel modo più classico, anche se ci è stato rinfacciato di aver ricordato che per fare figli occorrono un uomo ed una donna”

“Un altro problema che il Ministero è chiamato a cercare di risolvere”, ribadisce Susanna Ceccardi, “è quello del dilagare del fenomeno dell’uso di droghe a cominciare da un’età sempre più bassa, il che costituisce un autentico dramma che devasta le famiglie sotto ogni aspetto, sia affettivo che economico ed in questa ottica prometto che come Lega ci batteremo a qualsiasi livello ci sia consentito per evitare lo scempio che da molti, troppi anni Pisa è costretta a subire con la manifestazione Canapisa, in quanto non è concepibile permettere una manifestazione dove si inneggia al consumo di droghe ed al commettere reati quali lo spaccio”.

“Sul pano degli aiuti per il sociale”, conclude Ceccardi, “abbiamo criticato l’operato della Società della Salute in quanto venivano promossi progetti a favore immigrati e Rom – per i quali abbiamo chiuso lo sportello ad essi riservato, questa è vera discriminazione, in quanto venivano privilegiati rispetto alle altre etnie – mentre si deve occupare dei cittadini italiani più deboli, quali gli anziani ed i disabili, che stanno ritrovando adesso una priorità nelle scelte dell’Ente grazie a noi della Lega”.

Lanciato dai precedenti interventi, è toccato quindi alMinistro Lorenzo Fontana prendere la parola, il quale esordisce con un “essere stato scelto a presiedere questo Dicastero è per me motivo di grande orgoglio e soddisfazione”, per poi calarsi nelle tematiche relative, in primo luogo, al fenomeno dell’immigrazione e delle difficoltà delle famiglie, sottolineando come: “si stia vivendo un’epoca in cui i valori sono stravolti, quello che noi predichiamo come Lega sono concetti semplici dettati dal buon senso, ci hanno descritto in tutti i peggiori modi possibili, mentre io dico che siamo il partito dell’amore, amore per il nostro territorio, dato che l’accoglienza incontrollata dei migranti non favorisce né gli italiani né loro stessi, che subiscono una forma moderna di schiavismo, sfruttati da datori di lavoro senza scrupoli od in mano alla malavita per essere usati per reati di spaccio o microcriminalità, quando addirittura alle loro spalle non vi sia sin dall’origine un’organizzazione come ad esempio la Mafia nigeriana, una delle più potenti al Mondo, che gestisce anche il racket della prostituzione”.

“Con questo non voglio dire”, prosegue Fontana, “che non vi siano persone che debbono essere aiutate, come ad esempio donne e bambini che sfuggono da luoghi di guerra, ma per questo ci sono delle Associazioni umanitarie encomiabili nel loro lavoro che si occupano di queste tragedie, pur rilevando che, anche in questo caso, si agisce sugli effetti e non sulle cause dei conflitti, argomento su cui andrebbe fatta una più ampia riflessione a livello mondiale”

“Ma in Italia, è bene che lo sappiate”, incalza il Ministro, “vi sono 5milioni di persone che vivono sotto la soglia della povertà ed altre famiglie che hanno al loro interno complessivamente 4milioni di disabili, ovviamente con diversi gradi di gravità, e chi ha responsabilità di governo non può non pensare a loro, non è concepibile che i disabili vengano, come spesso accade, emarginati dalla Società, quando al contrario hanno il pieno diritto a che siano posti al centro dell’attenzione, indipendentemente dal valore dello spread o dell’ammontare del debito pubblico, poiché deve essere chiaro che è l’Economia che deve porsi al servizio dell’uomo, e non il contrario, ed il nostro obiettivo è pertanto quello di ridare dignità alle persone in quanto esseri umani”.

“In tale ottica”, conclude Fontana, “abbiamo già fornito ampio sostegno alle famiglie per quanto attiene ai contributi alle nascite, anche perché, tengo a sottolinearlo, il problema della denatalità nel nostro Paese è alquanto preoccupante, ed in tal senso stiamo lavorando ad un progetto di Legge che prevede la fruizione gratuita degli asili nido, avendo comunque già provveduto ad incrementare di 100milioni di €uro il “Fondo di autosufficienza”, portandolo da 450 a 550milioni, anche se la mia aspirazione è quella di raggiungere il miliardo di euro, così come il “Fondo per il Sociale” è stato incrementato da 280 a 420milioni di €uro ed è stato altresì ricostituito il “Fondo antidroga”, tutti passi in avanti per cercare di colmare quei disvalori che la politica europea ha creato nel corso di questi ultimi anni, volendo, al contrario, rivalutare la figura della persona in quanto essere umano, e sotto questo aspetto vi invito a non trascurare la marea di coloro che io, recandomi in visita presso strutture ospedaliere e di assistenza, definisco “eroi silenziosi”, ovverossia tutti quei familiari che soffrono e contribuiscono con il loro amore ed il loro affetto ad alleviare le sofferenze di un loro congiunto, genitore, figlio o fratello che sia, i quali rappresentano un patrimonio da non disperdere e che ci deve rendere orgogliosi di essere italiani”.

By