Miss Mondo Toscana. Giulia Bruschi trionfa a Fauglia. Questa sera la settima tappa al campo sportivo di Porta a Mare

VALTRIANO DI FAUGLIA – È Giulia Bruschi di Altopascio a trionfare nella sesta tappa di Miss Mondo Toscana svoltasi Venerdì 4 Agosto a Valtriano di Fauglia presso il “Podere della Zia”.

image

La kermesse di moda organizzata da Paolo Ciucci, direttore artistico ed esclusivista per la Toscana, con l’attenta coreografia di Susanna Taviani dell’Agenzia Aif Model di Pisa, ha fatto tappa nel tipico ristorante tra Pisa e Livorno ed ha tenuto compagnia ai molti presenti in sala. La serata ha visto la straordinaria partecipazione di Solange. Tra gli ospiti della serata anche l’attore Giuliano Grande, il comico-cabarettista Andrea Magini, attualmente impegnato in “Aria Fresca and Friends”. A prevalere su tutti l’italo-cubana Giulia Bruschi, aspirante modella che si ispira a Naomi Campbell, che ha preceduto la pistoiese Kitana Polvani.

image

Sul gradino più basso del podio sale per la prima volta quest’anno Veronica Wozowczjk. Si e’ aggiudicata la fascia messa in palio da “Ricci Car Parfum” Valeria Picciolini, che poche ore prima aveva trionfato nella sua Volterra e quella del “Podere La Zia” vinta da Gabriella Maranto di Milano. La serata, che ha riscosso una grande partecipazione di pubblico, e’ stata presentata da Paolo Ciucci. Le ragazze sono state acconciate dallo staff pisano di Follie di Venere ed hanno sfilato con gli abiti eleganti della stilista Radini di Empoli. L’organizzazione di Miss Mondo Toscana ringrazia per la grande ospitalità Walter e tutto lo staff del “Podere della Zia”.

Questa sera alle ore 22.15 s torna in pedana al campo sportivo di Via Livornese per la settima tappa di Miss Mondo Toscana, nell’ambito della Festa dello Sport. La serata sarà presentata dal direttore artistico ed esclusivista per la Toscana Paolo Ciucci, sotto l’attenta regia di Susanna Taviani. Oltre venti le ragazze in gara per la conquista della coroncina. Tra gli ospiti Giuliano Grande e Marco Castellani, sosia di Massimo Ceccherini.

By