Mister Petrone carica il Pisa: “Le mie squadre mai con il braccino corto. La parola paura non fa parte del mio vocabolario”

PISA – Alla vigilia del derby contro il Livorno ha parlato davanti a microfoni e taccuini mister Mario Petrone.

di Giovanni Manenti

ZERO PAURA.  “Abbiamo preparato la partita nei minimi particolari, sappiamo bene quali potranno essere le difficoltà ambientali e toccherà a me prendere le eventuali contromisure in corso della gara, precisando che la parola “paura” non fa parte del mio vocabolario. L’aspetto atletico – continua Petrone – che in questo momento sembra poterci avvantaggiare, viene di solito azzerato in partite come i derby, ragion per cui dovremo giocare al massimo durante tutti i 90′”.

PALLE INATTIVE. “Per gli episodi che possono decidere la partita è chiaro che le palle inattive possono risultare determinanti, ma vi confermo che mai una mia squadra giocherà con il “braccino corto”.

SUL LIVORNO. “Per quanto riguarda i nostri avversari non tocca certo a me evidenziare le qualità dei giocatori in rosa, la quasi totalità dei quali ha trascorsi di Serie B,

SUL PISA.”Per quanto riguarda i nostri effettivi è recuperato Ingrosso, così come Birindelli, essendo rammaricato per il solo fatto di non avere ancora a disposizione Mannini, che probabilmente sarà l disponibile contro il Pontedera venerdì sera. Per la formazione, è mia intenzione dare continuità ai risultati, e per me è fondamentale parlare e dare fiducia anche a coloro che non hanno ancora potuto giocare poiché il gruppo è basilare per quanto mi riguarda, precisando che la scelta del portiere avverrà solo domattina”.

SUI DERBY TOSCANI. “Sono a conoscenza del fatto che il Pisa soffre i derby, in cui abbiamo una media punti addirittura pari a quasi la metà di quelli conquistati contro le squadre extra regione ed essendo una questione prettamente mensile, dobbiamo lavorare su questo aspetto, visto che le nostre ultime tre partite sono altrettante sfide di campanile”.

SUL PUBBLICO. “L’attesa da parte del pubblico l’ho percepita in questi giorni anche con il rapporto con la gente che mi ha fermato per strada facendomi gli “in bocca al lupo” per domani ed è evidente che vi sia molta più attesa per i tifosi che non per noi addetti ai lavori, che viceversa dobbiamo cercare di non caricare di eccessiva pressione la gara, atteggiamento che potrebbe rivelarsi anche controproducente”.

Loading Facebook Comments ...
By