Mobilità scuola 2017/2018: sospesa la trattativa

PISA – Dopo appena dieci giorni dall’avvio, il confronto fra Ministero dell’Istruzione e sindacati scuola sull’annuale contratto della mobilità ha subito una battuta d’arresto.

“È necessaria una verifica in sede politica per riprendere proficuamente il negoziato”, scrivono in una nota FLC CGIL, CISL Scuola, UIL Scuola e SNALS Confsal a commento dell’incontro del 17 novembre.

“Il Ministero dell’Istruzione – si legge nella nota – si è presentato al tavolo senza alcuna risposta rispetto ai nodi fondamentali posti da tutti i sindacati nei tre incontri precedenti. Impraticabile, dunque, la proposta del Miur di continuare il confronto su aspetti secondari della mobilità senza prima aver chiarito i punti nodali su aspetti dirimenti al fine di decidere se ci sono le condizioni, o meno, per pervenire a un accordo”.

In un precedente incontro, avevamo già denunciato la mancanza di risposte sulle questioni prioritarie poste a premessa della trattativa. A questo punto ci aspettiamo un chiarimento a livello politico, dove poter valutare “la reale consistenza delle aperture al confronto manifestate dal Miur nell’incontro del 10 ottobre scorso in direzione di una definizione per via contrattuale delle regole per la mobilità”.

In sintesi: piena operatività della funzione contrattuale per superare i blocchi della legge 107/15; ripristino dei diritti del personale, lesi dall’errata applicazione del contratto della mobilità 2016/2017, su cui abbiamo avviato il confronto.

Fonte: Flc Cgil

By