Moschea. Diego Petrucci: “C’è bisogno di chiarezza”

PISA – Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa inviatoci da Diego Petrucci (Noi Adesso Pisa) relativo alla Moschea.

“Stamani ho firmato per il referendum sulla moschea, nonostante i modi arroganti e per tanti versi violenti del Comitato; poichè ritengo giusto che la città si possa interrogare su quel progetto, di quelle dimensioni, con l’adiacenza del centro culturale islamico e, per di più, in quella collocazione. Fatto salvo il diritto per ognuno di poter pregare il proprio Dio, nel proprio tempio, non si può, però, rubricare, in questo particolare momento storico, la costruzione di nuove moschee e di centri culturali islamici come vicende meramente religiose, avendo chiaramente anche una portata politica, culturale, identitaria e, ahi noi, in alcuni casi risvolti che hanno a che fare con la sicurezza e l’ordine pubblico; per questo è opportuno aprire un dibattito, più serio e più approfondito di quello che vi è stato fino ad ora, a partire dal fare piena chiarezza sulle fonti di finanziamento del progetto stesso. Il question time presentato dal sottoscritto nel corso dell’ultimo consiglio comunale, ha, infatti, messo al nudo come non vi sia da parte dell’amministrazione comunale nessuna consapevolezza, né informazione precisa, su chi siano i veri finanziatori del progetto ed in questo senso partiremo dalle parole del sindaco che si è reso disponibile a portare avanti ulteriori verifiche.
Insieme al coordinatore Leonardo Sbrana, al capogruppo Maurizio Nerini ed a tutto il direttivo di Noi adesso Pisa invitiamo, pertanto, i cittadini pisani che non lo avessero ancora fatto a firmare per il referendum, prendendo, altresì, l’impegno di farci carico a settembre di aprire Noi un dibattito plurale e approfondito su tutta la vicenda, indipendentemente dall’esito della raccolta firme”.

By