Movida, pronto il protocollo d’intesa

PISA – Il Protocollo verrà siglato da Prefettura, Comune, Confcommercio, Confesercenti e ASL 5.

L’accordo ha la finalità di fissare, con la collaborazione delle associazioni di categoria rappresentative dei pubblici esercenti, le linee guida dell’azione da svolgere per migliorare le condizioni di vivibilità del centro storico della città di Pisa, maggiormente interessate al fenomeno della ‘movida’. Saranno fatti interventi di prevenzione e contrasto ai fenomeni o comportamenti pregiudizievoli per la quiete pubblica ed il decoro urbano, all’occupazione abusiva di spazi pubblici e di intralcio alla viabilità, ovvero di ostacolo alla tempestività degli interventi di soccorso. Tra le misure previste dal Protocollo si evidenzia l’obbligo del Comune di contenere i più evidenti fenomeni di degrado nelle aree del centro. Il Comune si prefigge di mantenere in piena efficienza gli impianti di video sorveglianza già installati; potenziare l’illuminazione pubblica; promuovere campagne di sensibilizzazione sui danni derivanti dall’abuso di alcol e di assunzione di sostanze stupefacenti.

Le associazioni di categoria si impegnano a promuovere ogni possibile iniziativa affinché nei pubblici esercizi siano presenti figure quali l’assistente alla sicurezza, l’addetto ai servizi di controllo e l’addetto all’assistenza della clientela, con compiti di osservazione e di segnalazione alla polizia municipale o alle forze dell’ordine. Al fine di rendere più tempestivi ed efficaci eventuali interventi di soccorso sanitario, il Protocollo prevede la presenza nel centro storico di un’ambulanza del 118, attrezzata per il supporto vitale di base con defibrillatore, nelle serate di giovedì, venerdì, sabato e negli altri giorni prefestivi. L’iniziativa – ha affermato il prefetto Francesco Tagliente – avvia un progetto finalizzato a rendere possibile vivibilità e sicurezza coniugando le diverse esigenze dei residenti, degli esercenti e degli studenti.

You may also like

By