Il Mundialito che unisce la città

PISA – Si è conclusa mercoledi al bagno la Perla di Tirrenia, la terza edizione del Mundiadito, i mondiali in spiaggia con le biglie che mettono in gioco anche la politica.

Blu contro rossi uno contro all’altro contrapposti, per la ormai tradizionale sfida al gioco delle biglie in spiaggia, il Mundiadito del Litorale Pisano che ha vissuto momenti esaltanti nel pomeriggio di ieri al Bagno La Perla di Tirrenia. Due testimonial d’eccezione per la manifestazione organizzata da ConfcommercioPisa e Sindacato Balneari Sib, gli ex ciclisti Francesco Moser e Alessio Di Basco, il primo dei quali ha fatto la storia delle corse a due ruote con un palmares da urlo, vincendo Giro d’Italia, Campionato del Mondo e altre corse classiche su strada. A trionfare, dopo una sfida emozionante, è stata la squadra Blu, grazie alla vittoria assoluta di Diego Casali, giornalista de La Nazione, che ha preceduto tutti dopo una condotta di gara sempre in testa, superando allo sprint un mai domo Simone Macchi, campione uscente, che a sua volta a preceduto un agguerrito Giuliano Bani. Tra i piazzamenti, quarto e quinto posto per gli imprenditori Borelli e Martinelli, all’arrivo sesto l’assessore al Bilancio e al Patrimonio del comune di Pisa Andrea Serfogli, a punti anche il vicepresidente del Consiglio Comunale Maria Chiara de Neri. Alla gara hanno partecipato anche i “ragazzi” della Cooperativa Paim sotto la direzione di Anna Batini, riuscendo a completare il percorso tra gli applausi dei numerosi astanti, bambini e ragazzi su tutti. Congratulazioni allora a Franco, Maria, Roberto, Stefania, Marco, Gianluca, Giovanni, Antonio, Benedetto. Vivace e scanzonata la telecronaca dal vivo ad opera dello speaker Alessio Giovarruscio, alla conclusione strette di mano, sorrisi e merenda per tutti i partecipanti. Sponsor Cassa di Risparmio Lucca Pisa Livorno, Banco Popolare e dall’Ape alla Zebra.

L’iniziativa, promossa da Confcommercio Pisa, Sindacato Balneari Sib e Paim Cooperativa sociale onlus all’interno del cartellone di Marenia Nonsolomare, ha visto sfidarsi, in una pista piena di ostacoli e trabocchetti, sotto il sole prepotente di agosto, due formazioni: la prima, composta dall’assessore all’edilizia Andrea Serfogli, il giornalista della Nazione Diego Casali, l’imprenditore Giovanni Borrelli, il vicepresidente del consiglio comunale Mariachiara De Neri, Giuliano Bani, Francesco Martinelli e Simone Macchi, campione in carica della precedente edizione; la seconda, dai ragazzi della casa famiglia Marciana e della RSD Borgo dei Colori di Lorenzana: Gianluca, Stefania, Antonio, Maria, protagonista indiscussa del Mundiadito 2015, Benedetto, Franco, Marco, Roberto, Giovanni. ” Sono contento di partecipare a questa terza edizione di Mundiadito con l’auspicio che diventi un appuntamento fisso nel tempo ; – dice l’assessore all’edilizia, Andrea Serfogli – è bello creare questa sinergia, questa fusione tra l’aspetto politico e imprenditoriale della città e quello sociale: inoltre credo che sia un’ottima occasione di integrazione per questi ragazzi. Ringrazio il Sindacato Balneari Sib, da sempre attento alle problematiche sociali, per questo bellissimo pomeriggio di sport.” ” La giornata di oggi è un momento benefico di sensibilizzazione: – conclude Mariachiara De Neri – accogliere la disabilità e contaminare tutti gli ambienti è molto importante e significativo per un litorale pisano che deve essere alla portata di tutti.” L’evento è stato ancora più emozionante vista la presenza di Francesco Moser, ex ciclista su strada e pistard italiano che ha incoraggiato lo spirito della partita tra i saluti di tutti. Il Mundiadito 2016 si è concluso con un buffet e una gustosissima cena gentilmente offerta dal bagno la Perla, che ringraziamo calorosamente per l’accoglienza. Un ringraziamento speciale va anche a Fabrizio Fontani, Presidente di Conflitorale, che ci ricorda : ” L’obiettivo è stato quello di trascorrere una giornata al mare, in compagnia e in serenità offrendo ai ragazzi della Paim una giornata diversa: trasmettere un segnale di attenzione per le problematiche legate alla disabilità e far vedere quanto niente sia scontato e facile nella vita ai bambini cosidetti normali rispetto a chi ha difficoltà di vario genere.” La cornice del Mundiadito infatti erano proprio loro, i bambini del bagno la Perla, un tifo caloroso e genuino che ha accompagnato la gara conferendogli colore e allegria.

By