Municipio dei Beni Comuni, circa duemila manifestanti hanno sfilato per le vie del centro

PISA – Circa duemila manifestanti hanno sfilato oggi per le principali vie del centro di Pisa fino a raggiungere l’ex colorificio toscano, la fabbrica dismessa da tempo dalla multinazionale JColors e occupata per oltre un anno da una rete di associazioni dell’universo antagonista fino allo sgombero di due settimane fa.

La manifestazione pisana è analoga ad altri tre cortei che oggi si sono svolti a Napoli, Gradisca d’Isonzo e in Val di Susa.

A Pisa hanno sfilato anche esponenti nazionali e locali di Sel e Prc. Obiettivo del corteo era protestare ”contro la speculazione e l’austerità” rivendicando l’occupazione dell’ex fabbrica che per molti mesi è stato ”un luogo aperto e di socialità mentre la proprietà lo vuole trasformare in speculazione edilizia sottraendolo alla collettività”.

Per l’ex stabilimento, a poca distanza dal complesso monumentale di piazza dei Miracoli, la JColors ha già avanzato una richiesta di variante urbanistica per poterci costruire abitazioni. I manifestanti hanno sfilato pacificamente in un corteo colorato e ‘creativo’ caratterizzato da improvvisi flash mob e spettacoli di giocoleria.

Giunti davanti alla fabbrica il corteo ha ‘assediato’ le forze dell’ordine, schierate in assetto antisommossa, con simbolici tentativi di forzare il blocco davanti ai cancelli.

Con un blitz tre attivisti del Municipio dei Beni Comuni, la rete di associazioni che per oltre un anno ha occupato l’ex colorificio Toscano, la fabbrica della JColors, superando il blocco delle forze dell’ordine e si sono arrampicati sul muro perimetrale dello stabilimento. E’ stata un’azione simbolica perché dopo alcuni minuti gli attivisti sono scesi e sono tornati tra i manifestanti.

Fonte: ANSA

20131116-212855.jpg

You may also like

By