Musei, nel week – end molte visite. Palazzo Blu il più gettonato

PISA – Le belle giornate di sole e di festa, hanno portato in città tanti turisti, che si sono riversati, come accaduto nei giorni di Pasqua e pasquetta nei musei di Pisa e Calci. Abbiamo fatto una piccola inchiesta per sapere quanti hanno visitato dal 25 al 27 aprile mostre temporanee e collezioni permanenti in sei sedi espositive diverse a Pisa e Calci.

IL PIÙ VISITATO. La mostra Balle di scienza di Palazzo Blu continua ad attrarre visitatori: 2480 presenze nei tre giorni, per un totale di 18.655 dal giorno dell’apertura. Sempre a Palazzo Blu è in corso la mostra La Piazza disegnata – Incisioni e disegni della piazza del Duomo, dedicata ai 950 anni dalla posa della prima pietra della Cattedrale.

SOPRA LA MEDIA. Buoni i dati dell’altro museo dei lungarni, il Museo della Grafica di Palazzo Lanfranchi, che ospita la bella mostra fotografica All our yesterdays – Scene di vita in Europa attraverso gli occhi dei primi fotografi: 405 presenze in tre giornate. Dopo il boom di Pasqua con 3.00 visitatori nel weekend e 1.500 solo a pasquetta, il dato dei visitatori del Museo di Storia Naturale dell’Università di Pisa si ridimensiona, ma resta comunque oltre la media, con 1580 visite. Merito delle due mostre in corso “Kenamum, l’undicesima mummia” e “Abissi.Terre Aliene”.

Meno della metà di presenza del Museo di Storia Naturale, per la Certosa Monumentale di Calci, che si ferma a 600, ma fa comunque meglio dell’anno scorso, beneficiando delle aperture pomeridiane.

IL PIÙ CHIUSO. 30 visitatori per Palazzo Reale sabato 26 aprile, un piccolo “record” come ci confermano dalla Soprintendenza, per un museo che viaggia sui 10 spettatori a giornata, ma che nei giorni di festa resta chiuso. Poco esaltante il dato del Museo Nazionale di San Matteo, che sebbene custodisca tesori unici, non riesce ad attrarre i visitatori: solo 96 visite durante il weekend.

Fonte: pisainformaflash.it

20140428-182736.jpg

By