Nasce “Unisport”, la rete universitaria dello sport. Il professor Marco Gesi eletto nel comitato di coordinamento

PISA – Si è svolta all’Università la Sapienza di Roma la prima assemblea di “Unisport Italia”, la neo-costituita rete tra 42 Università italiane che ha l’obiettivo di valorizzare lo sport universitario come strumento di formazione, ricerca, innovazione e di arricchimento dell’esperienza universitaria.

L’Università di Pisa è uno degli Atenei che aderiscono al progetto e il professor Marco Gesi, prorettore dell’Università di Pisa con delega alle attività sportive, è stato eletto membro del comitato di coordinamento. Presidente per il primo triennio è stato scelto il professor Paolo Bouquet dell’Università di Trento. Con la prima assemblea, i rappresentanti delle Università che sostengono il progetto hanno definito gli obiettivi strategici per il triennio 2019-2021 e formato i gruppi interni che lavoreranno alla loro realizzazione. «Si tratta di una rete nazionale per la gestione e lo sviluppo dello sport universitario, dall’attività pratica fino al ruolo sociale dello sport – spiega il professor Gesi -. Una rete, la prima di questo genere, che basa le attività sui criteri universitari di ricerca e formazione. Una voce unica di tutte le Università che può contribuire allo sviluppo di una nuova cultura dello sport». Nella prossima assemblea di Unisport Italia, che sarà convocata nei primi mesi del 2019, saranno avviati anche i contatti con i principali interlocutori, politici e sportivi, della neonata rete. Tra questi anche l’Ufficio per lo Sport della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Sarà inoltre affrontata la discussione sulle modalità di inclusione di una significativa rappresentanza degli studenti nell’assemblea, nel comitato di coordinamento e nei gruppi di lavoro di Unisport Italia, che punta a promuovere lo sport universitario come sport per tutti, favorendo corretti stili di vita ed iniziative che possono contribuire attraverso lo sport allo sviluppo economico e sociale del Paese.

Loading Facebook Comments ...
By