Navigare al porto…anche senza barca. Con Devitalia si può!

PISA – Da poche ore è possibile grazie al sistema di hotspot messo a disposizione da Devitalia, affermata azienda del territorio nel campo di telecomunicazioni, cablaggio, sicurezza e servizi informatici. Un servizio in più per tutti gli amanti del nostro litorale e degli utenti del Porto di Pisa che si inserisce nella più ampia rete di punti di fornitura wifi distribuiti su tutto il territorio comunale.

“Grazie a questo accordo – spiega Fabio Calabrese, ad di Devitalia – chiunque si troverà, per affari o per piacere, sulla suggestiva piattaforma del Porto di Marina, potrà connettersi gratuitamente per due ore. Per i diportisti, inoltre, verranno forniti dei completi account giornalieri per poter gestire dalla propria barca la posta elettronica o semplicemente navigare su internet, senza pensieri e in completa autonomia”. Un Porto, quello di Pisa, che diventa 2.0 e che va ad inserirsi nella rete del “persempreconnesso”, il sistema integrato di hotspot Devitalia semplice, gratuito e, appunto, per sempre. È sufficiente connettersi a una rete devitalia-hotspot e registrare il proprio dispositivo wireless (pc, smartphone, tablet). Da quel momento ci si potrà connettere a tutta la rete in automatico, senza più ricordare e inserire credenziali di accesso. “Un modo perché il porto sia ancora più vicino alla città di Pisa – aggiunge Calabrese – e allo stesso tempo i pisani lo siano al mondo intero”.

“Questo accordo segna un passo avanti nell’ambito dei servizi offerti – aggiunge Simone Tempesti, amministratore delegato della Boccadarno Spa – non solo ai diportisti, ma a tutti coloro che visitano e trascorrono del tempo al Porto di Pisa. “Siamo molto orgogliosi di avere al nostro fianco un partner come Devitalia – continua – che ci supporta e condivide i nostri obiettivi. I cittadini oggi desiderano essere sempre connessi e d’ora in poi avranno questa possibilità anche all’interno della nostra struttura. È un altro risultato degli sforzi fatti per avvicinare sempre più il Porto al suo territorio e per mantenere alti gli standard dei nostri servizi”.

By