A Navigarte venerdì 28 ottobre “Nulla è come sembra”

PISA – Nulla è come è. Tutto è come sembra o sembra come non è. E nulla esiste indipendentemente dal punto di vista di chi osserva. Ironica, spietata, persino deformata, è la lettura della realtà che ci offrono i coreografi e danzatori Oralndo Izzo e Angelo Petracca nell’ultima produzione della napoletana Compagnia Interno 5, lo spettacolo “Trattato semiserio di oculistica” in scena venerdì 28 ottobre alle 21.00 presso Teatri di Danza e delle Arti in Corte Sanac a Pisa nell’ambito della VI edizione di NavigArte 2016, il festival internazionale promosso da Movimentoinactor Teatrodanza/Consorzio Coreografi Danza d’Autore e realizzato con il sostegno di Fondazione Pisa, Comune di Pisa, UniCoop-Sezione Soci Pisa e la collaborazione di Fondazione Cerratelli e Università di Pisa.

Nella loro indagine Izzo e Petracca – tra i 6 coreografi selezionati da DNAppunti Coreografici DNAppunti coreografici un progetto di sostegno per giovani coreografi italiani (che nasce da un lavoro sinergico sul territorio nazionale tra la Cango/Centro di produzione sui linguaggi del corpo e della danza Firenze, Il Centro per la Scena Contemporanea/Operaestate Festival del Comune di Bassano del Grappa, L’arboreto – Teatro Dimora di Mondaino, Fondazione Romaeuropa, Gender Bender di Bologna, Associazione Med/Uovo Milano.2016) per presentare il 16 novembre a Roma la loro idea coreografica . Hanno riflettuto sul senso dominante della nostra cultura, su ciò che determina in prima istanza il giudizio su una qualsiasi realtà: la vista. Tutto ciò che esiste e quindi anche tutto ciò che viene creato e danzato è, appunto, creato e danzato utilizzando la vista del creatore e la vista dell’interlocutore: il pubblico. Ma il punto di vista può cambiare inesorabilmente a causa di sindromi che alterano la percezione visiva della realtà. Tutti possiamo essere Alice nel Paese delle Meraviglie e scoprire che il punto stesso d’osservazione è mobile e saltella nello spazio seguendo i gesti e la danza che giocano lungo le linee della prospettiva, riproponendosi uguali e differenti ad ogni ripetizione. La realtà si moltiplica in un caleidoscopio di visioni, ciascuna delle quali risulta essere ugualmente vera. L’uso sapiente della telecamera e del proiettore in scena ci fa percepire contemporaneamente più di una dimensione e vivere più di un tempo dell’azione, restituendoci un’immagine multiforme della realtà. Che non è mai possibile dare per scontata.

Con NavigArte anche quest’anno dopo gli spettacoli torna “A tu per tu”, lo spazio in cui si incontrano gli artisti-autori e gli spettatori per esaudire curiosità ed entrare nel vivo della costruzione artistica. L’edizione 2016 del festival proseguirà poi con il doppio spettacolo della Compagnia padrona di casa, la Compagnia Movimentoinactor/Con.Cor.D.A. che andrà in scena venerdì 4 novembre alle 10.00 e poi di nuovo alle 20.00 al Cinema Teatro Nuovo, con Questa Meraviglia di Alice, una produzione realizzata con il sostegno del MIBACT e della Regione Toscana, particolarmente adatta ad un pubblico di bambini e famiglie.

Biglietti € 7 , ridotto € 5 (studenti, soci Coop, residenti del quartiere Porta a mare, Cep , Barbaricina, anziani). Sono previste ulteriori facilitazioni di costo per gli allievi delle scuole per gli spettacoli in matinée.

Per info e prenotazioni: Movimentoinactor Teatrodanza-Teatri di Danza e delle Arti-Corte Sanac 97-98-Pisa. Tel: 050501463 email: movimentoinactor@tiscali.it, www.movimentoinactor.it. Pagina facebook NavigArte

By