Nicola Fratoianni (Leu): “La Ministra Fedeli a poche ore dal voto non può partecipare al convegno dell’Università”

PISA – “Singolare che a poche ore dal voto che la Ministra dell’istruzione partecipi al convegno dell’Università nello stesso collegio dove è Candidata”. Ad affermarlo L’On. Nicola Fratoianni di Liberi e Uguali.

“La Ministra Fedeli rinunci – continua la nota – altrimenti c’è il rischio di uno spot elettorale.

“Davvero singolare che la Ministra dell’Istruzione intervenga ad un convegno istituzionale in un’università proprio nel collegio dove si candida e proprio a due giorni dal voto. È quello che accadrà domani pomeriggio a Pisa, dove la candidata del Pd Valeria Fedeli concluderà i lavori di un convegno alla Scuola Normale Superiore. Al di là delle norme sulla par condicio relative alla pubblica amministrazione – prosegue l’esponente di Leu – violate in modo plateale (ma su questo ci penserà l’Agcom ad assumere i provvedimenti necessari), c’è un problema di buonsenso”.

“Rinnovo l’invito già rivoltole ieri: la ministra Fedeli vuole partecipare ad un convegno sulla scuola o sull’università a Pisa? Non c’è problema- conclude Fratoianni – lo faccia la prossima settimana altrimenti rischia di divenire solo uno spot elettorale peraltro di pessimo gusto”.

L’On. Nicola Fratoianni infine ha incontrato una delegazione dei docenti pisani diplomati magistrali nelle Gae che dopo la recente sentenza del Consiglio di Stato del dicembre scorso sono stati risucchiati nella precarietà o addirittura rischiano di vedersi licenziati. La vicenda coinvolge in provincia di Pisa non meno di 500 docenti se non di più.

“Sono gli insegnanti – ha affermato Fratoianni a conclusione dell’incontro – che tengono in piedi le nostre scuole dell’infanzia e primarie da anni, persone di cui i nostri bambini non possono fare a meno. Poiché si tratta di una vicenda surreale, è evidente che occorra una soluzione politica da troppi anni rimandata, in ultimo da questo Governo nonostante più volte sollecitato dai sindacati. Abbiamo riconfermato il nostro impegno. Sarà necessario che il nuovo Parlamento prima della fine dell’anno scolastico – ha concluso Fratoianni – trovi una via legislativa, e venga garantito un piano pluriennale di stabilizzazioni e assunzioni che dia certezze a questi docenti e alla scuola tutta”.

By