Nicola Ottaviani (Sindaco di Frosinone): “Terreno ed accoglienza in uno stadio del genere potevano e dovevano essere migliori. Chiederemo di spostare l’orario del match per garantire le massime condizioni di sicurezza”.

PISA – Intercettato al termine della partita di ieri, il Primo Cittadino ciociaro ha rilasciato dichiarazioni a metà tra l’ironico ed il polemico per quanto riguarda l’accoglienza ricevuta e le condizioni del terreno di gioco. Venendo a ciò che ha detto il campo in questo match di andata, traspare dell’ottimismo, a Frosinone sono consapevoli dei propri mezzi e della propria forza.

Si ringrazia per la concessione dell’ intervista, il collega di Frosinone, Gianni Lanzi.
All’Arena Garibaldi c’era anche il sindaco di Frosinone, avvocato Nicola Ottaviani. Presente con la famiglia e una delegazione del Comune capoluogo: “C’è subito da dire che il trattamento riservato non è stato dei migliori. Nulla a che vedere, bene dirlo, con i ‘fattacci’ occorsi a Gubbio alla dirigenza del Frosinone, ma comunque qualcosa di meglio si poteva anche aspettare, vista l’importanza e il risalto del match. Una struttura come lo stadio di Pisa avrebbe sicuramente dato la possibilità di sistemare le delegazioni al seguito della squadra giallazzurra in modo diverso e migliore. A Frosinone spesso lo sport principale è quello di guardare all’orticello del (più o meno) vicino, ma il club giallazzurro nel corso degli anni ha sempre dato grande importanza all’accoglienza delle delegezioni delle altre squadre, anche a fronte di appuntamenti-clou. A Pisa forse su questo aspetto hanno pagato qualcosa in termini negativi”.
Il primo cittadino di Frosinone però vuole intervenire sulla partita. Alle 20.30 l’uscita dallo stadio, la macchina sta per guadagnare la strada del ritorno: “Il Frosinone meritava di vincere, ha creato almeno 5 palle gol tra il primo e il secondo tempo. Comunque, resta un’ottima prestazione”.
La testa va già alla gara di ritorno. E il sindaco aggiunge: “Terremo domani (oggi, ndr) il Comitato per la Sicurezza per l’Ordine Pubblico con il Prefetto, il Questore, il Comandante dei carabinieri, il Comandante della Guardia di Finanza per decidere in merito all’orario in cui si dovrà svolgere la gara di ritorno (fissato già per le ore 16 ma suscettibile a questo punto di cambiamenti, ndr), allo scopo di assicurare le massime condizioni di tranquillità».
Poi Ottaviani ironizza anche lui sul fondo del terreno dell’Arena: “Una considerazione di folklore riguarda appunto lo stato del terreno di gioco che oggi appariva simile ad un campo di gol a 18 buche. Mentre al suo confronto il Comunale e il Casaleno sembrano l’Olimpico”.
frosinone
By