Nocerina-Pisa: le interviste ai protagonisti

NOCERA INFERIORE – C’è amarezza, ma non rassegnazione da parte dei giocatori nerazzurri dopo la sconfitta per 3-0 contro la Nocerina al “S. Francesco”.

FILIPPO CARINI

Una brutta sconfitta soprattutto per il morale…

“Noi non abbiamo fatto la solita partita, ma anche gli episodi non ci hanno girato a favore. Dopo il vantaggio della Nocerina abbiamo avuto una grande occasione con Benedetti che non abbiamo sfruttato”.

Qual’è l’obiettivo in questo momento?

“Non dobbiamo porci obiettivi. Bisogna pensare al Frosinone e fare tre punti, non sbagliando l’approccio alla partita. Sarà importante vincere domenica prossima per ricreare anche un pò di entusiasmo nel gruppo anche se devo dire che siamo tutti uniti e la squadra è convinta di poter fare bene”.

Oggi hai avuto a che fare con dei brutti clienti in avanti…

“Loro hanno dei giocatori davvero forti in attacco e penso che arriveranno lontano”.

CICCIO FAVASULI

Qualcosa oggi non è andata…

“Si sono dimostrati più forti, facciamo i complimenti a loro e bisogna andare avanti e cercare di fare punti. Giochiamo alla morte con il Frosinone. Con grande umiltà e con l’aiuto di Dio ce la faremo”.

Qual’è il problema che ha questa squadra?

“Non lo sappiamo nemmeno noi, comunque il gruppo c’è ed è un vero peccato non essere nelle posizioni che contano perchè in settimana lavoriamo molto bene con una staff tecnico importante e con dei ragazzi che si vogliono bene fuori e dentro il campo”.

Che cosa è mancato…

“Penso che la gara si sia chiusa sul 2-0, adesso è inutile stare qui a piangerci addosso, bisogna prima guardarsi indietro e salvarci e poi nelle ultime gare tentare di arrivare ai play-off”.

Rocco Sabato (Foto Massimo Ficini)

ROCCO SABATO, subito dopo la rete del 2-0, ha avuto la possibilità di segnare la sua punizione si è stampata sul palo…

“C’è molto rammarico all’interno del gruppo. Risultato pesante che ci ha punito più del dovuto. Ormai è andata, mettiamoci una pietra sopra e nelle ultime sei battaglie cercheremo di riconquistare le posizioni perse fino ad ora”.

Che cosa è successo?

“Non abbiamo disputato la miglior partita, venivano ad attaccarci alto, ma se Benedetti metteva dentro l’1-1 potevamo sicuramente giocarcela anche se è inutile recriminare. Pensiamo a battere il Frosinone per tornare poi nelle ultime gare a giocarcela”.

Ci credi ancora?

“Si, perchè è uno dei campionati più equilibrati degli ultimi anni che ha dimostrato che tutto può succedere. La squadra c’è, il gruppo è compatto, quindi perchè non crederci?”.

 

By