Novara – Pisa 1-1. Masucci al fotofinish. Pari all’ultimo respiro

NOVARA – Il Pisa raggiunge al fotofinish il pareggio (1-1) a Novara dopo una convulsa azione d’angolo è Masucci a metterla dentro dopo il colpo di testa di Ujkani. Le immagini non chiariscono la dinamica del gol, l’importante però è che sia arrivato. Il Pisa porta a casa un punto importante in virtù anche dei pareggi di Vicenza, Cesena e Avellino e della sconfitta della Pro Vercelli al termine di una partita che onestamente il Pisa ha giocato come tutti si aspettavano.

         di Antonio Tognoli

Mister Gattuso, che deve fare a meno di Lisuzzo, Lazzari e Mannini, schiera inizialmente un 4-3-3. Davanti a Ujkani ci sono Del Fabro e Landre. Golubovic e Longhi (che rientrano dalla squalifica) completano il pacchetto arretrato. A centrocampo il tecnico nerazzurro conferma il terzetto di sabato scorso con la Ternana formato da Di Tacchio, Verna e il nuovo arrivato Angiulli. In attacco Gattuso schiera Cani come punta centrale assieme a Manaj e Gatto. Il neo arrivato Gaetano Masucci parte dunque inizialmente dalla panchina.

IL PRIMO TEMPO. Si gioca in una giornata fredda, tipicamente invernale, terreno in erba sintetica, davanti a circa 3000 persone in un impianto molto accogliente. Pisa in maglia bianca a strisce orizzontali nerazzurre, Novara nella classica casacca azzurra. Al 1′ cross di Angiulli servito da Gatto, troppo sul portiere che interviene agevolmente. Al 2′ il Novara risponde con un traversone di Calderoni, pronta la girata di Sansone spostato al centro dell’area, palla che termina ampiamente sul fondo. Il Pisa nei primi minuti parte un po’ molle, il Novara è aggressivo, ma i nerazzurri sul piano del palleggio dimostrano qualità e quando affondano danno l’impressione di essere pericolosi, come al 7′ quando Longhi crossa rasoterra laddove però non c’è nessun nerazzurro. Ne Gatto ne Manaj hanno capito l’intenzione del compagno. La gara è equilibrata, mostra un buon Pisa, ma i piemontesi attaccano tutti gli spazi. Al 12′ Di Tacchio lancia verso Manaj che viene anticipato da Mantovani in fallo laterale. Il Novara risponde con una conclusione dalla distanza da parte di Calderoni, palla alta sopra la traversa. Al 17′ Kupisz salta netto Angiulli e Longhi mette in mezzo un traversone rasoterra, che la difesa nerazzurra riesce a spazzare via. È un bel momento per il Novara, che tiene maggiormente il possesso della palla. Sono pochissime però le occasioni in cui la formazione di Boscaglia si rende veramente pericolosa, anche per la buona disposizione del Pisa, che mostra la solita attenzionein difesa. Al 26′ Gatto viene fermato in posizione di fuorigioco. Alla mezz’ora di gioco incursione sulla sinistra di Macheda cross basso respinto dalla difesa piemontese. Pochi istanti dopo Sansone chiama la parata all’ex Ujkani su un altro punizione dai 25 metri. Il Novara gioca meglio, ma il Pisa al 33′ ha una buona occasione con Gatto che recupera palla sulla sinistra, entra in area ma perde il tempo della battuta e la sfera dopo una deviazione termina tra le braccia di Da Costa. Al 42′ forse la più grande occasione della prima frazione: Del Fabro sbaglia il disimpegn, facendo imbestialire Gattuso, la palla termina sui piedi di Galabinov, che non ci pensa su due volte a battere a rete. Il suo destro rasoterra però viene deviato in angolo da Ujkani. La prima prima frazione si chiude sullo 0-0 senza recupero.

IL SECONDO TEMPO. Nella ripresa le due squadre scendono in campo senza variazioni ai rispettivi schieramenti. La ripresa inizia con due gialli. Prima Gatto e poi Macheda finiscono a stretto giro di posta sul taccuino di Mainardi per due interventi abbastanza irruenti ed evitabili. All’8′ primo cambio nel Pisa: fuori Cani dentro Masucci. Al 9′ il Pisa si fa pericoloso con un destro in diagonale di Manaj. La partita si scalda intorno al 60′ quando Angiulli viene messo giù la limite. Fallo da ultimo uomo ed espulsione. NOVARA in dieci. La punizione di Di Tacchio dal limite viene deviata in angolo. Dalla bandierina Masucci pesca Manaj, il cui colpo di testa termina sul fondo di un soffio. Nel momento in cui il Pisa poteva sembrare favorito passa il Novara con un destro al volo di Casarini: questa volta Ujkani non può nulla. Gattuso in superiorità numerica e sotto di un gol si gioca la carta Peralta richiamando Angiulli in panchina. La garanzia diventa vibrante. Il pubblico protesta ogni qualvolta l’arbitro prende una decisione. I nerazzurri rischiano in contropiede. Al 25′ Ujkani è costretto ad uscire fuori dalla propria area di rigore, per evitare la controffensiva dei piemontesi. Boscaglia si tutela inserendo un difensore Romagna richiamando Macheda, per poi inserire a cinque dalla fine Viola al posto di Sansone. Una punizione di Galabinov (38′) viene bloccata da Ujkani. I nerazzurri ci provano al 43′ con una conclusione di Peralta che si abbassa improvvisamente e chiama Da Costa alla deviazione in angolo. La squadra di Gattuso ci prova fino all’ultimo a raggiungere il pareggio: il sinistro di Peralta viene respinto sulla linea. Sull’angolo Masucci ribadisce in gol il colpo di testa di Ujkani dopo che Da Costa aveva compiuto un miracolo.

IL TABELLINO. NOVARA – PISA 1-1

NOVARA (4-3-1-2): 1 Da Costa; 8 Chiosa, 2 Troest, 3 Mantovani, 27 Calderoni; 20 Kupisz, 19 Bolzoni, 5 Casarini; 18 Sansone (84′ 4 Viola), 10 Macheda (68′ 33 Romagna), 16 Galabinov. A disp. 22 Benedettini, 6 Scognamiglio, 23 Adorjan, 24 Dickmann, 30 Koch, 32 Lukanovic. All. Roberto Boscaglia

PISA (4-3-3): 1 Ujkani; 24 Golubovic (74′ 36 Zammarini), 15 Del Fabro, 34 Landre, 3 Longhi; 6 Di Tacchio, 8 Verna, 18 Angiulli (64′ 20 Peralta) 11 Manaj, 9 Cani (53′ 38 Masucci), 28 Gatto. A disp. 22 Cardelli, 12 Giacobbe, 13 Crescenzi, 14 Birindelli S., 26 Favale, 30 Fautario. All. Rino Gattuso.

ARBITRO: Mainardi di Bergamo (Ass. Cangiano-Muto). Quarto uomo Pinzani

RETI: 63′ Casarini (N), 94′ Masucci (P)

NOTE: giornata nuvolosa e fredda, terreno in erba sintetica. Ammoniti 28 Gatto (47′), 10 Macheda (49′), 38 Masucci (82′). Espulso 27 Calderoni (58′) fallo da ultimo uomo. Angoli 6-2. Rec pt 0′, st 4′. Una settantina i tifosi nerazzurri presenti al “Silvio Piola”. Prima del via un minuto di raccoglimento per i tragici fatti all’Hotel Rigopiano.

By