Una nuova classe all’Istituto Galileo. Sette nuovi allievi per il corso biennale di “tecnico qualificato ottico” alle Officine Garibaldi

PISA – Si apre un nuovo anno all’istituto “Galileo” alle Officine Garibaldi. La scuola ha accolto sette nuovi allievi che, questa settimana, hanno iniziato il ciclo di insegnamenti.

Gli apprendisti del corso di ottica, inaugurato lo scorso anno negli spazi di via Gioberti, partono con le lezioni insieme ad esperti del settore. Si tratta della prima scuola privata di ottica di tutta la provincia, struttura unica in Italia e unità locale dell’agenzia formativa “Artide&Antartide” (accreditata dalla Regione To-scana e che si occupa di corsi di formazione professionale dal 2011), che offre un’ampia gamma di corsi di formazione in ambito tecnico-scientifico, professionale e sanitario relativamente all’ottica, all’oftalmologia e allo studio delle scienze della visione. Tra questi il corso di qualifica professiona-le per “Tecnico qualificato ottico”, abilitante all’esercizio dell’arte sanitaria di ottico e riconosciu-to dalla Regione Toscana. Il corso ha durata biennale, per un totale di 1920 ore di lezioni teorica e di cui 80 ore di stage in negozi di ottica. Le lezioni si svolgono dal lunedì al venerdì nella sede della scuola all’interno delle Officine Garibaldi, che ospita anche le aule formative, i laboratori e gli ambulatori per le lezioni pratiche.

I docenti sono professionisti nel settore (tecnici ottici qualificati), medici oculisti della clinica ocu-listica di Cisanello e ricercatori dell’istituto nazionale di ottica del Cnr di Pisa. La direzione scienti-fica del corso è affidata al professor Michele Figus e al dottor Antonio Lepri, che fanno parte del-l’equipe dell’unità operativa di Oculistica dell’Azienda ospedaliera universitaria pisana, guidata dal
professor Nardi. Il corso è riconosciuto dalla Regione Toscana e al termine è rilasciata la qualifica di tecnico qualificato ottico, abilitante all’esercizio della relativa professione ausiliaria sanitaria.

“Questa scuola nasce per far sì che si crei uno stretto contatto tra il mondo dell’ottica e quello dell’oculistica – afferma il dottor Antonio Lepri, dirigente medico all’unità operativa di oculistica, docente di anatomia e fisiopatologia oculare – I nostri studenti si avvicineranno all’oculistica nell’Ospedale di Cisanello dove potranno osservare le nostre tecniche diagnostiche così da avere una formazione completa”. Il professor Michele Figus sottolinea quanto sia importante rispettare i
ruoli delimitando quindi i campi di azione delle varie professionalità operanti nel campo della salute degli occhi: “L’ottico può integrare e supportare l’attività dell’oculista, si occupa di consigliare qua-li sono le lenti migliori, può misurare la vista ai pazienti, vendere occhiali, può applicare lenti a con-tatto, è per questo che è una figura che si affianca a quella dell’oculista, ma senza sostituirlo”.

A inizio settimana i sette nuovi allievi hanno iniziato il loro primo anno del corso biennale. La clas-se è già formata, ma c’è ancora la possibilità di iscriversi entro e non oltre la fine di novembre. Per
maggiori informazioni è possibile consultare la pagina web www.istitutogalileopisa.it o contattare lo 050.8068971.

By