Una nuova scuola per l’infanzia a Montacchiello. L’inaugurazione il 26 Aprile

PISA – Verrà affisso stamane all’Albo pretorio del Comune di Pisa il bando relativo alla gara di appalto per l’aggiudicazione in gestione della Scuola 06 asilo nido e scuola per l’infanzia posta nella zona di Montacchiello, la cui struttura, all’avanguardia ed avveniristica, sarà inaugurata mercoledì 26 aprile alle ore 16,30 alla presenza di cittadini, aziende e dipendenti che operano nell’area, e che è stata presentata agli organi di informazione ieri pomeriggio in una conferenza stampa tenutasi presso Palazzo Gambacorti.

di Giovanni Manenti
Il complesso, ceduto a titolo gratuito al Comune di Pisa da parte di ANCE (Associazione Nazionale Costruttori Edili) di Pisa e Forti Holding Spa, è stato realizzato su di un’area di ca. 1.200 mq. donata dalla Forti Holding Spa e sulla quale l’Ance si è fatta carico dei relativi lavori di costruzione, impiegando proprie risorse per 1,5 milioni di €uro per la progettazione e realizzazione di un centro didattico educativo studiato per accogliere circa 40 tra bambini di ambo i sessi dai sei mesi sino ai sei anni.
 
Legittimamente orgoglioso di quanto compiuto, il Presidente di Ance Pisa, Jacopo Dainelli, ha precisato come …..”sia stata nostra intenzione, in accordo con la Forti Holding spa, dotare l’area di Montacchiello di una struttura che potesse accogliere i bambini in tenera età delle famiglie dei dipendenti – sono circa 7 mila – che lavorano nella zona e nell’adiacente area di Ospedaletto, con ciò aderendo al Patto di Comunità con il Comune di Pisa ed abbiamo pertanto progettato un ambiente dove i bambini possono muoversi liberamente, compresa una parte luminosa centrale per giocare d’inverno.” “La successiva realizzazione“, ha concluso Dainelli, “ha avuto come principio base quello di ottenere un edificio eco-sostenibile e la relativa attestazione energetica A++++ ne rappresenta un traguardo importante e ne garantisce la riduzione dei consumi, nel mentre ci siamo presi cura anche degli arredi interni, curati nei minimi dettagli e, cosa che ci fa ancor più piacere, venendo questi ultimi realizzati da Azienda pisana che produce mobili, per cui possiamo dire di aver contribuito a dare lavoro con la nostra opera a diverse imprese della nostra provincia“.
Dello stesso tenore l’intervento dell’Ing. Luigi Doveri, Amministratore Delegato della Forti Holding Spa, il quale ha evidenziato come ….”l’area di Montacchiello si sia sviluppata sul principio dell’innovazione in quanto, in occasione dei primi insediamenti, passava sulla via Emilia la fibra ottica, ma oggi la frontiera dell’innovazione si sposta sui temi della “Smart Community”, vale a dire sulla messa a disposizione di servizi e ci è pertanto venuto spontaneo offrire un terreno di nostra proprietà per consentire la realizzazione di una struttura che consente di venire incontro alle esigenze familiari dei dipendenti – in larga parte giovani – che lavorano nelle aziende operanti nelle aree di Montacchiello ed Ospedaletto ed offrire un’opportunità per l’affidamento dei loro piccoli, tale da rendere ancora più appetibile l’intera zona in un’ottica di ulteriore sviluppo industriale“.
 
Sulle possibilità di trasferire una tale iniziativa, ha preso la parola l’Assessore ai Lavori Pubblici Andrea Serfogli, il quale ha semplicemente rilevato come … “la struttura realizzata rappresenti un qualcosa di innovativo sotto molti punti di vista, il che la fa divenire da esempio per futuri investimenti da parte dell’Amministrazione Comunale, alcuni dei quali già in programma come ad Oratoio, soprattutto per quanto riguarda l’aspetto gestionale con l’elevata riduzione dei costi a livello energetico, mentre nello specifico deve essere ringraziata l’Ance per essersi fatta carico anche dei costi relativi agli arredi interni, per una realtà in crescita come quella degli insediamenti industriali a Montacchiello e che ben si sposa con la fisionomia che la zona sta sempre più ottenendo“.
 
Non poteva mancare il commento dell’Assessore alle politiche socioeducative e scolastiche, Maria Luisa Chiofalo, la quale ha precisato come …. “la struttura realizzata, per cui non mi stancherò mai di ringraziare le aziende coinvolte, sia in linea con quanto previsto dalle norme ministeriali per la costruzione di luoghi per l’infanzia in continuità da 0 a 6 anni, per le cui messe in opera sono anche previste risorse da parte dello Stato che potremo utilizzare per futuri investimenti sulla base del progetto testé attuato.” “Da un punto di vista gestionale“, ha proseguito l’Assessore, “con il bando per la relativa assegnazione aggiungiamo una nuova tipologia di servizio, in quanto interamente a carico dell’aggiudicatario, il che consente di risolvere il problema dell’accoglienza di bambini non residenti nel Comune di Pisa (cosa viceversa obbligatoria per le strutture comunali …), dato che la maggior parte dei dipendenti delle aziende operanti nella zona proviene da fuori.” “Occorre anche rilevare“, ha concluso la Chiofalo, “come la qualità di un servizio per l’infanzia sia composta da molti fattori, dei quali siamo portati a sottovalutare quelli degli spazi in cui l’attività pedagogica viene svolta, mentre invece essi sono importanti e la struttura messa a disposizione è all’avanguardia in tal senso, avendo sia i progettisti Arch. Mauro Ciampa ed Elisa De Ranieri che l’impresa costruttrice accolto i nostri suggerimenti per la realizzazione di un edificio come avevamo sempre sognato,  dando dimostrazione di grande cultura, oltre che di indubbia professionalità, senza dimenticare, dal punto di vista occupazionale, che ciò crea dai 10 ai 15 nuovi posti di lavoro, tra insegnanti e personale ausiliario“.
 
La conclusione sull’argomento, come doveroso, giunge dal Sindaco Marco Filippeschi, il quale pone l’accento su come …. “sia rilevante l’aspetto comunitario dell’opera, per cui mi attendo una grande partecipazione per una inaugurazione in grande stile di una struttura che rappresenta, ad oggi, il progetto più importante realizzato nell’ambito del Patto di Comunità, che fa il pari con la Cittadella della Solidarietà nel quartiere del CEP, e vorrei pertanto che la data del 26 aprile prossimo possa essere un’occasione per il rilancio del citato Patto di Comunità, affinché un’azienda od anche un’Associazione si facessero carico, con apporto di risorse private, della realizzazione di strutture di natura sociale“. “Per quanto attiene all’opera realizzata“, ha proseguito il Primo Cittadino, “la stessa rappresenta un grande sostegno per le famiglie dei dipendenti che operano nella zona e devo riconoscere la sensibilità dimostrata da Ance e Forti Holding Spa nella circostanza, che non è costituita solo dal valore del manufatto, ma dai dettagli con cui è stato costruito“. “Voglio anche sperare“, ha concluso Filippeschi, “che l’iniziativa sia copiata e si possa espandere in altre zone della città, così come mi auguro che la stessa possa essere veicolata sul mercato e trasferita anche in altre realtà cittadine al di fuori di Pisa, mettendoci al livello delle migliori strutture nazionali per quanto riguarda l’infanzia, e mi piace sottolineare come, nel nostro mandato, questa sia la cosa più bella che si sia realizzata“.
 
Passando dalle parole ai fatti, il bando di concorso citato in premessa, parte da una base d’asta di €. 23mila annui come canone da corrispondere al Comune e le offerte devono pervenire entro le ore 12,30 del prossimo 3 maggio 2017, per far sì che con l’inizio del prossimo anno scolastico a settembre, la struttura sia pienamente funzionale, mentre per coloro che avranno voglia di verificarne di persona la bellezza architettonica, l’appuntamento è fissato al pomeriggio del 26 aprile per la cerimonia di inaugurazione.
By