Nuove tappe del Progetto per la legalità antimafia a Pisa

PISA – A Pisa la Prefettura, da alcuni mesi, ha avviato una strategia di contrasto del crimine organizzato con una serie di iniziative finalizzate a rafforzare la legalità e la cultura antimafia alimentando il partenariato tra le istituzioni, le amministrazioni, gli enti, le aziende e la società civile per una politica della sicurezza che mira a promuovere iniziative associate per la legalità.

Per la Prefettura, il Sindaco, la Camera di Commercio, la Provincia e tutti i Sindaci dei Comuni pisani domani, 14 novembre, sarà una giornata ricca di impegni, finalizzata a realizzare una più efficace sinergia per garantire ai titolari delle attività commerciali ed imprenditoriali il diritto di investire sul territorio locale senza timore di subire condizionamenti ambientali o una concorrenza sleale.
Alle ore 09.00, il primo appuntamento presso l’Aula Magna della Scuola Superiore Sant’Anna, dove la Prefettura ha organizzato un incontro sul nuovo “Codice Antimafia”. Hanno aderito all’iniziativa i Prefetti della Regione, i vertici provinciali e regionali della Magistratura, delle Forze e dei Corpi di Polizia, della DIA, i componenti del “Desk Antimafia”, istituito a Pisa il 28 giugno scorso, i rappresentanti della Regione, della Provincia e i 39 Sindaci pisani, nonché tutti i rappresentanti delle Istituzioni, Enti, associazioni ed Aziende – comprese quelle del credito – interessate dalla nuova normativa antimafia.
A seguire, intorno alle ore 13.00, a Palazzo Medici, verrà firmato il Protocollo di Legalità per la prevenzione ed il contrasto dei tentativi di infiltrazione della criminalità organizzata nel settore del commercio e nelle attività imprenditoriali.
L’incontro alla Scuola Superiore Sant’Anna, che vedrà la presenza dei massimi esperti del settore, sia del Ministero dell’Interno che del mondo Universitario, della Magistratura e delle Forze di polizia del territorio provinciale pisano, è rivolto agli operatori del settore ed a tutti coloro che sono chiamati a conoscere i nuovi strumenti offerti dal legislatore per la lotta alle mafie.
Il programma della giornata è stato strutturato in modo da consentire ai relatori di affrontare tutti gli aspetti più interessanti ed attuali del “Codice Antimafia”.
La relazione introduttiva è affidata al Prefetto Bruno Frattasi, Direttore dell’Ufficio affari legislativi e relazioni parlamentari del Ministero dell’Interno. Seguiranno gli interventi del Professor Alberto Gargani, Ordinario di diritto penale presso l’Università di Pisa, del dott. Giuseppe Quattrocchi, Procuratore distrettuale antimafia di Firenze, del dott. Salvatore Laganà, Presidente del Tribunale di Pisa, dei Viceprefetti Giovanni Migliorelli e Stefano Gambacurta del Ministero dell’Interno, nonché del Primo Dirigente della Polizia di Stato Maria Carmela Santoro della Divisione Anticrimine della Questura di Pisa. Concluderà i lavori il Sottosegretario Giovanni Ferrara, in rappresentanza del Ministro dell’Interno Anna Maria Cancellieri, impossibilitata ad essere presente all’evento a causa di un sopravvenuto impegno governativo ad Algeri per il Vertice Italo-Algerino.
Al termine del convegno, alla presenza del Sottosegretario Ferrara, il Prefetto Francesco Tagliente, il Sindaco di Pisa Marco Filippeschi, il Presidente della Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura Pierfrancesco Pacini, nonché il Presidente della Provincia Andrea Pieroni sigleranno il Protocollo di Legalità “antimafia”, che sarà sottoscritto anche dagli altri 38 Sindaci dei Comuni pisani.
Giornalisti ed operatori della stampa interessati potranno seguire, previo accredito, i lavori dell’incontro-dibattito alla Scuola Superiore Sant’ Anna ed intervenire, alle ore 13.00, in Prefettura per la firma del Protocollo.
Nel pomeriggio, intorno alle ore 15.30, il Sottosegretario, il Prefetto e le altre Personalità raggiungeranno i locali dell’Opera Primaziale Pisana per partecipare alla presentazione del libro “Vincenzo Peruzzo. Ricordi del primo Prefetto di Pisa dopo la liberazione”.
By