Ospedale e Asl, dal 2008 al 2013 70.000 ticket non pagati

PISA – Nell’ambito del piano annuale di controllo in materia di spesa pubblica, i finanzieri della Tenenza di Volterra hanno recentemente concluso una complessa attività in materia di spesa sanitaria che testimonia l’impegno operativo assunto dal Corpo che risponde alle sempre più forti istanze di legalità ed equità nella gestione delle risorse pubbliche che provengono dalle Istituzioni e dai cittadini.

Le attività ispettive, iniziate nel mese di marzo dello scorso anno, sono state svolte analizzando ed incrociando i numerosi dati acquisiti presso le strutture sanitarie provinciali interessate (A.S.L. n. 5 ed A.O.U.P. – Azienda OspedalieroUniversitaria Pisana) con quelli contenuti nel “database” in uso all’ESTAV NordOvest (Ente per i servizi tecnico-amministrativi di Area Vasta)istituìto nell’ambito del Servizio Sanitario Regionale Toscano ai fini della gestione dei sistemi informativi.

20140507-191927.jpg

Dagli accertamenti eseguiti è emersa una grave negligenza per danno erariale a carico di diversi dirigenti ed operatori delle strutture sanitarie oggetto di accertamento, in quanto non hanno adottato secondo tempistiche adeguate, idonee misure preventive e correttive per la risoluzione delle fattispecie di evasione dei ticket e per questo,al termine dei controlli, sono stati segnalati alla Procura Regionale della Corte dei Conti di Firenze per i profili di responsabilità erariale emersi a loro carico.

Il danno erariale accertato a carico del Servizio Sanitario Regionale, calcolato per gli anni dal 2008 al 2013, supera i 3 milioni di euro per il mancato incasso di circa 70.000 quote di compartecipazione alla spesa sanitaria (c.d. ticket), somme dovute dai cittadini per visite specialistiche e prestazioni erogate in regime di pronto soccorso considerate erroneamente come esenti o per le quali non è stato comunque richiesto il pagamento del ticket. Al termine delle indagini si è ottenuta una risposta concreta da parte delle strutture sanitarie che,già dal mese di maggio del c.a., hanno adottato una procedura “tampone” in attesa della realizzazione di un progetto di personalizzazione software per la gestione del ticket unificato che consentirà di registrare, attraverso l’attivazione di canali bidirezionali, le posizioni debitorie, i pagamenti effettuati e rilevare situazioni di insoluto in modo strutturato ed in tempo reale.

Fonte: Guardia di Finanza

You may also like

By