“Paim” alle special Olympics di Livigno

PISA – Le olimpiadi “Uno per tutti, tutti per uno perché non resti indietro nessuno!”. Circa cinquecento atleti si sono sfidati in diverse attività sulla neve, sostenuti da tifoserie animate.

Sono 23 i ragazzi di “Paim che ditta!”, provenienti dalla RSD Il borgo dei colori di Lorenzana, la Casa Famiglia di Marciana, I ragazzi del Borgo e la Casa Famiglia di Pontasserchio: hanno stabilito un fantastico record alle Olimpiadi sulla neve “Special Olympics” a Livigno.

I tifosi sono stati i bambini e i ragazzi delle scuole di Livigno, che ogni anno vengono abbinati a ciascun gruppo, e preparano un piccolo pensiero d’incoraggiamento: Paim è stata sostenuta dai bambini della terza elementare di Livigno, con il bellissimo motto “Uno per tutti, tutti per uno perché non resti indietro nessuno!”.

Da 8 anni, il gruppo “Paim che ditta” gareggia alle Special Olympics: i cittadini di ogni età accompagnano gli atleti durante le gare, organizzano momenti di svago, addobbano il paese con striscioni e bandierine. Durante queste giornate gli atleti vivono esperienze mai provate e al rientro a casa, orgogliosi e fieri mostrano le medaglie conquistate pieni di entusiasmo.

Quest’anno, i partecipanti sono rientrati a casa con un magnifico ricordo: l’emozione di aver raggiunto la vetta più alta, il primo posto e il trofeo Special Olympics Livigno 2017.

Tante foto e una lunga serata di balli e festeggiamenti, che resteranno impressi nei loro cuori. Al rientro a casa, ad attenderli una grande festa organizzata dalla Cooperativa Sociale Paim al Ristorante Tenuta La Sterpaia di San Rossore, alla presenza dell’Assessore alle Politiche Sociali di Pisa e Presidente della Società della Salute, Sandra Capuzzi e del Presidente PAIM Giancarlo Freggia, che si sono congratulati con i ragazzi e con tutti gli operatori per l’entusiasmo e il risultato ottenuto.

By