Palazzo Blu festeggia il suo decennale. Ponte di Mezzo e Torre si illuminano di Blu

PISA – Il 26 ottobre Palazzo Blu festeggia il decennale dalla sua apertura, nata dopo l’avvenuto recupero e restauro dell’immobile che fa bella mostra di sé sui nostri Lungarni.

di Giovanni Manenti

Un percorso, quello che nel corso di questo decennio ha visto accorrere un fiume di persone tanto che nel maggio di quest’anno si è festeggiato il milionesimo visitatore, tutti in fila per ammirare le opere di artisti del calibro di Chagall, Dali, Kandinsky, Lautrec, Miro, Modigliani, Picasso e Warhol, cui hanno fatto da degno contorno anche altre storie di vita vissuta, tra tutte quelle del viaggio di Marco Polo e la prima guerra mondiale, avendo anche avuto modo di stringere un’importante collaborazione con il “National Geographic” che potrà avere ulteriori positivi sviluppi in futuro.

Pertanto, per una degna celebrazione di questo anniversario, venerdì 26 ottobre sarà presentato alle ore 17 in anteprima il volume che illustra i 10 anni di attività della sede espositiva alla presenza, oltre che del Presidente della Fondazione Palazzo Blu Dr. Cosimo Bracci Torsi, del Sindaco Michele Conti e del Presidente della Fondazione Pisa Claudio Pugelli. Ma le sorprese per i cittadini non finiscono qui, dato che il Palazzo proporrà un’apertura serale straordinaria della mostra attualmente in corso “Da Magritte a Duchamp: il grande surrealismo dal Centre Pompidou”, con il 26 e 27 ottobre a potersi visitare la galleria sino a mezzanotte, con biglietto ridotto a 5 euro, dalle 20 alle 24 (Ultimo ingresso alle ore 23).

Prevista, infine, nella serata del 26 ottobre, l’illuminazione in blu del Palazzo, del Ponte di Mezzo e della Torre Pendente con una sorpresa, alle ore 19, all’incrocio tra Corso Italia e via San Martino, occasione per ritirare i coupon sconto per la visita della mostra sul surrealismo.

“Il 26 ottobre prossimo Palazzo Blu compie i 10 anni di attività – afferma il presidente della Fondazione Cosimo Bracci Torsi – con la prima mostra su Galilei dell’anno successivo per poi proseguire con la nostra su Chagall che raggiunse livelli di visitazione inattesi che ci ha confortato nell’andare avanti sino ai giorni nostri con l’allestimento di nuovi eventi, tutti di più che soddisfacente successo, al fine di creare in Pisa un punto di ritrovo culturale che si differenziasse dall’offerta che la città è in grado di offrire per le sue tradizioni che si riportano al XVI Secolo, con proposte che si riportano all’arte del CD Secolo. Ecco quindi la nostra volontà di festeggiare nel modo migliore questa giornata del 26 ottobre con una pubblicazione che ripercorrerà questo decennio di attività cui farà seguito una serie di visite guidate alla mostra permanente ed alla mostra che ripercorre questi 10 anni all’interno del Palazzo Blu”, conclude Bracci Torsi.

By