Il “Parco di Mau” è realtà. Domenica 6 gennaio l’inaugurazione

PISA – Presentata giovedì 3 Gennaio presso la Sala Regia di Palazzo Gambacorti agli organi di informazione la cerimonia di inaugurazione del “Parco di Mau, il Parco di tutti” che avrà luogo domenica 6 gennaio in via San Michele degli Scalzi alle ore 12.30.

di Giovanni Manenti

La cerimonia prevede, alle ore 11,30, alcune attività organizzate dalle Associazioni Caregivers (laboratorio di agricoltura sociale) ed Eppursimuove (percorso in carrozzina ad ostacoli in coppia), per poi arrivare all’appuntamento con il al classico taglio del nastro alle ore 12,30 cui farà seguito un buffet a beneficio dei presenti, al termine del quale, nel pomeriggio, si potrà assistere a spettacoli con bolle di sapone.

“Quella di oggi è la concretizzazione di una iniziativa che è partita dal Gruppo dei tifosi della Curva Nord, che aveva trovato l’adesione da parte della precedente amministrazione – ha detto l’assessore ai lavori pubblici Raffaele Latrofa – cui ne va dato atto e noi ci troviamo semplicemente a celebrare la relativa definitiva inaugurazione. Un’idea che nasce dal voler aiutare i bambini con disabilità, a cui, parlandone, si è concretizzata l’opportunità di allargare l’iniziativa a favore anche sia di coloro che crescono che delle altre persone normodotate che con questo Parco ci prefiggiamo di favorire in un rapporto di inclusione che i bambini per primi riescono a mettere in atto”.

“Noi come Curva ci siamo sempre indirizzati nel sociale – ha detto Vieri Bottai della Curva Nord del Pisa – anche se i nostri principali progetti sino al 2015 erano rivolti all’estero, per poi decidere di portare avanti un programma di aiuti che riguardasse più da vicino la nostra città, ed in particolare favorire i bambini diversamente abili attraverso la creazione di un Parco Gioch, per il quale siamo riusciti a coinvolgere buona parte delle Associazioni che svolgono attività di sostegno a loro favore. Nel corso dei colloqui è venuta fuori l’esigenza di allargare il nostro orizzonte non solo alla fascia di età infantile, perché, come già detto, le persone crescono, per cui serviva un luogo che potesse accogliere un maggior numero di persone possibile, e la scelta è ricaduta sulla zona limitrofa alla Biblioteca SMS, per il fatto che della stessa si può usufruire ogni giorno dell’anno, ed altresì già dotata di alcune esigenze fondamentali, quali i bagni per disabili e quant’altro. Una volta stabilito il progetto, abbiamo iniziato la raccolta fondi che ci ha consentito di raccogliere oltre 70mila euro, destinati all’acquisto dei giocattoli ed ai lavori di pavimentazione, mentre il resto è stato finanziato dal Comune di Pisa. Circa il nome scelto, “Parco di Mau”, esso ci è parso spontaneo, sia per ricordare il nostro sfortunato amico e tifoso Maurizio Alberti e che sia “di” e non altre locuzioni, sta a significare che debba divenire veramente il “Parco di tutti”, perché il suo fine ultimo deve essere quello dell’integrazione, favorita dalle singole Associazioni che possono avere a disposizione anche un luogo dove potersi incontrare per parlare delle rispettive problematiche e trovare delle soluzioni più favorevoli possibili”.

“Quello di oggi è un messaggio importante per testimoniare quello che la Curva ha fatto per il sociale, ha detto Maria Scognamiglio consigliere comunale del PD – con un’iniziativa a beneficio dei meno fortunati che tende all’inclusione per la quale i ragazzi della Curva hanno compiuto il percorso inverso di essere loro ad essere venuti dalle Associazioni e non il contrario come di solito avviene, calandosi nelle varie realtà per poter far sì che il progetto fosse il più possibile accessibile a tutti con uno spirito che deve renderli orgogliosi di ciò che hanno ideato….

Un evento a cui tutta la cittadinanza è invitata a partecipare, sia per verificare con i propri occhi come un progetto di così grande importanza sociale si sia potuto realizzare che per portare il proprio contributo con ulteriori donazioni, così come promulgare e diffondere il più possibile una così generosa iniziativa.

By