Parlano i giocatori nerazzurri dopo il successo contro la Maceratese

PISA – Ecco gli umori in casa Pisa dopo il successo contro la Maceratese che ha consentito al Pisa di approdare alle semifinali play-off.

Diego Peralta: “Prima della mia rete eravamo andati un po in difficoltà ed è stato importante rimetterla in carreggiata. Però abbiamo interpretato bene la partita, ora sotto con le semifinali. È il mio primo anno di Lega Pro e non conosco gli avversari ma chi capita capita, noi dobbiamo giocare da Pisa”. Quando entro in campo dalla panchina è indubbio che traggo vantaggio perché gli avversari hanno già giocato per 70′”.

Andrea Lisuzzo: “La sensazione di sicuro quando entri in campo a Pisa è che c’è qualcuno che ci spinge. Ho giocato in piazze importanti come Palermo e Novara, ma come l’Arena non ho visto piazze, forse solo Napoli. Un pubblico così coeso forse siste solo qui, dalla Curva ai distinti. È stata una grande sfida tre gol su quattro sono stati segnati su calcio piazzato, meno male che abbiamo Peralta che sa far gol anche su azione. Il Pisa è in salute l’importante era passare il turno a questo punto dico che chi affrontiamo non importa, non farà la differenza. La differenza dovremo farla noi. La sensazione è che la Casertana abbia qualcosa in più”.

Luca Andrea Crescenzi: “Dentro di me portavo quell’errore a Lucca, il mister mi ha ridato la chance e io sono veramente contento. Dopo aver segnato sono andato a cercarlo perché se ho giocato lo devo a lui che mi ha dato fiducia dopo che qualcuno dopo l’espulsione di Lucca poteva pensare che non fossi affidabile. Uscire oggi sarebbe stato brutto, invece abbiamo giocato da grande squadra confermando quello che di buono è stato fatto sino ad ora. Oggi serviva l’episodio per sbloccarla siamo riuscito a farlo su palla inattiva ed in un momento molto difficile. Chiunque è entrati oggi ci ha dato una mano, Peralta ha trovato il gol, Cani ha fatto bene e anche per Brunelli non era facile entrare a freddo”

By