Passa all’unanimita’ il riassetto del parcheggio del Pisa Mover. La soddisfazione di Maurizio Nerini

PISA – “Sono estremamente contento che oggi sia passato in Consiglio Comunale all’unanimità un ODG sul riassetto del Parcheggio del Pisa Mover portato dalla 1° Commissione Permanente che presiedo”, sono le parole del Consigliere Maurizio Nerini, Capogruppo di Noi Adesso Pisa e Fratelli d’Italia.

“Questo è uno di quegli atti che fanno bene alla politica perché nella commissione si è discusso , sono stati sentiti assessori e tecnici ed è stato partorito un documento che certo non può essere risolutivo, ma sicuramente potrà dare una mano a risolvere la questione, anche perché l’eredità che ci è stata lasciate è veramente pesante.
Abbiamo quindi analizzato i dati e i documenti acquisiti durante le sedute della 1^ CCP con l’audizione dell’Ing. Gilda Greco della PISAMO e dell’’Assessore Massimo Dringoli, in riferimento ai flussi turistici legati ai bus che arrivano nella nostra città. Ritenendo che sia necessario rivedere la strategia di accesso alla città e l’organizzazione dei flussi turistici si invita il Sindaco e la Giunta:

– a prevedere un progetto di riassetto del parcheggio del PISAMOVER in modo che possa ospitare bus turistici ed incentivarne la sosta con una tariffa convenzionata:
questo è da non confondere con la sosta dei bus a lunga percorrenza che hanno esigenze ben diverse ed esempio i tempi di salita e discesa dal mezzo, percorsi diversi regolati da altre normative
cercare di intercettare anche solo una parte dei bus provenienti dalla superstrada, dall’autostrada, da sud in genere, dal porto e terminal crociere
il tutto con tariffe convenzionate da rivedere e anche di prevederne con altri enti, forze armate, con associazioni di categoria e dipendenti che potrebbero trovare utile non entrare in città ed avere un parcheggio sicuro arrivando nella piazza della Stazione

– a migliorare la possibilità di accesso mediante l’integrazione e l’implementazione della segnaletica verticale ed orizzontale perché sempre come eredità ci sono stati lasciati una serie di “cartelli francobollo” che certo non aiutano l’identificazione del parcheggio, magari con una campagna pubblicitaria adeguata, ma anche a rivedere i cartelli che non sono chiari e spesso ci fanno trovare mezzi enormi tra le stradine vicine all’Aeroporto

– a riprendere e rafforzare, mediante l’operato della Polizia Municipale, anche con l’utilizzo di telecamere o varchi elettronici, per una zona molto più larga del centro storico, con controlli finalizzati al rispetto delle normative che disciplinano i percorsi e gli accessi in città dei bus perché abbiamo potuto notare atteggiamenti pericolosi da parte di chi tenta di sfuggire alla tassa: a parte parcheggi “fantasiosi”, si arriva a scaricare i turisti sulle rotatorie!

– ad instaurare un dialogo proficuo con le categorie e gli operatori di settore al fine di individuare un progetto dedicato e condiviso per il miglioramento dell’accesso alla città, la viabilità, aumentando il periodo di permanenza, anche mediante la previsione di strutture e servizi di prima accoglienza turistica: perché arrivando in Piazza delle Stazione si privilegerebbe l’asse Corso Italia-Borgo come via di accesso alla Torre

– a dedicare un’area del parcheggio a stalli per la permanenza delle moto: questa è una piccola cosa ma credo che se pubblicizzata bene possa dare i suoi frutti visto che i motociclisti se hanno il loro mezzo al sicuro, si sentono tranquilli e possono godersi la città

Questo O.D.G. è stato approvato all’ unanimità quindi ringrazio tutte le forze politiche presenti nella 1CCP

Personalmente poi per me, per Noi si chiude un ciclo di attività politica che dalla denuncia della inutilità della realizzazione del People Mover, ci ha visto sempre fare proposte e non solo critiche anche in modo goliardico, siamo andati a giocare a bocce nel parcheggio del PM, abbiamo fatto atti ispettivi come quello che trovò risposte dall’allora assessore Forte che ci disse che all’interno del parcheggio c’erano “ZERO” posti per bus e solo 6 all’esterno. Ma del resto a lui dobbiamo come assessore alla mobilità oltre ai danni fatti in precedenza come assessore al commercio, interventi deleteri quali: il taglio delle LAM per l’aeroporto, la fermata bus “Aeroporto” dove è stato cancellato “via” a quasi un km dall’aeroporto stesso e la genialata della pista ciclabile al Ponte della Fortezza. Pisa merita di meglio e Noi ci impegniamo affinché anche questa opera possa portare i propri frutti nonostante tutto”.

By