Perdita di posti di lavoro negli appalti Pisamo? Il Comunicato dei Cobas

PISA – Riceviamo e pubblichiamo comunicato stampa dei Cobas Lavoro di Pisa sulla situazione appalti Igiene Ambientale.

Nel mese di aprile 2020, a Pisa, non si era mai vista l’erba delle rotonde e dei marciapiedi così alta, tanto da sollevare le lamentele di molti cittadini che non si spiegavano il perché di questo mancato servizio – si afferma nella nota stampa – Il Sindaco di Pisa ha cercato di abbozzare una risposta generica raccontando che i servizi si erano bloccati. Se la vogliamo riportare giusta il servizio del taglio dell’erba è stato sospeso da Pisamo, Società in house del Comune di Pisa, imponendo ad AVR e ai suoi operai il ricorso agli ammortizzatori sociali. Come Cobas abbiamo chiesto informazioni sui motivi della sospensione dei servizi e la risposta è stata: “ad aprile non cresce l’erba”. Oltre ad essere offensiva e ridicola, la risposta di Pisamo ci ha aperto una visione in prospettiva e con poche certezze prima della scadenza dell’appalto, già in proroga per un anno fino al 31 dicembre 2020. Nella inconsapevolezza di tutti i cittadini, sotto la copertura mediatica del Covid-19 e del flagello sanitario causato da chi ha voluto tenere le fabbriche del nord aperte e senza le necessarie protezioni per i lavoratori, Pisamo e il Comune di Pisa giocano le loro carte per preparare, a nostro avviso, un taglio dei servizi ad AVR – prosegue la nota –                il significato di questo gioco, fatto in silenzio e senza avvisare la parte sociale, potrebbe anche portare alla perdita di posti di lavoro nell’appalto degli stradali di Pisamo. Temiamo che, come già è accaduto in altri Appalti del Comune di Pisa, si voglia tenere un profilo contrattuale molto basso (contratto Multiservizi lo stesso usato nei cimiteri pisani e nell’Igiene Ambientale fino al 31 dicembre 2019) criticato da tutti i Comuni limitrofi, compreso quello di Pisa. La scorsa settimana come Cobas del Lavoro Privato abbiamo aperto lo stato di Agitazione Sindacale per fare fronte a questa possibilità di perdita dei posti di lavoro legati ai servizi che, a nostro avviso, Pisamo è intenzionata a tagliare: qualcosa è già fermo nei servizi e lo ha bloccato di nuovo Pisamo. Di questo chiederemo conto a Pisamo e al Comune di Pisa, confermando la nostra richiesta di internalizzazione dei 14 lavoratori. Soluzione sostenuta dal Comune di Pisa affinché Geofor inglobasse tutti i lavoratori delle cooperative dell’Igiene Ambientale. I servizi stradali del Comune di Pisa devono essere valorizzati e non dati in mano a “cinque cooperative” (come promette Pisamo) con un salario da fame“, conclude la nota dei Cobas Lavoro Pisa.

By