Perugia-Pisa: i protagonisti del match

PISA – Quando affronta le grandi squadre il Pisa si trasforma, mettendo a segno colpi d’autore. Così aveva fatto a Padova, proseguendo contro il Latina. A Perugia la squadra di mister Pane si è confermata bella di notte e con le grandi.

“Vincere è sempre bello e fa morale”, esordisce l’autore dell’1-0 Leonardo Perez. “Abbiamo preparato al meglio questa partita. La sconfitta di Gubbio – confessa Perez – ci aveva demoralizzato e questi tre punti arrivano come un toccasana”. L’attaccante nerazzurro descrive così il suo gol: “E’ stata una bella palla di Filippo Fondi, quando mi è arrivata ho pensato solob a girarla in porta. Quando si lavora bene si raccoglie i frutti”. L’attaccante ex Gubbio parla anche dei suoi gol: “Quest’anno sono già a quota tre e sta andando molto bene, anche se preferisco che il Pisa vinca anche se non fa gol Perez, però devo dire che dopo che lavori tanto per molti anni sulle stesse cose fare qualche gol in più è sempre una bella soddisfazione”. Perez parla in maniera positiva dell’esperimento che l’ha visto unica punta con Rizzo alle sue spalle: “Ha giocato molto bene, ed è uno dei più giovani più forti che abbiamo in rosa. Sono contento per lui”.

Contento appunto anche il diretto interessato Luca Rizzo: “Mi sono trovato molto bene nel ruolo di tre quartista. Sono contento della mia prestazione perchè avevo giocato solo pochi minuti in questo ruolo. Il mister mi ha dato fiducia e  lo ha fatto in una partita molto complicata. Di questo lo ringrazio molto”.

Parola a capitan Ciccio Favasuli, al terzo rigore realizzato su altrettanti concessi al Pisa. Diventato un autentico cecchino dagli undici metri: “E’ andata bene, anche questa volta grazie a Dio sono riuscito a fare gol anche se il portiere l’aveva intuita”. Sulla gara dice: “Se a Gubbio avevamo perso tutti a Perugia abbiamo vinto tutti. La palma del migliore la dò a Rizzo perchè si è calato perfettamente nel ruolo che ha occupato sin dall’inizio”. Poi sul Pisa dice: “Anche le grandi squadre hanno un calo e noi l’abbiamo avuto a Gubbio. Stasera un pareggio sarebbe stato giusto. Abbiamo ripreso quello che ci avevano tolto contro il Barletta. Il calcio è bello perchè è imprevebibile. Gli obiettivi della stagione rimangono i soliti, migoiorarsi rispetto all’anno scorso e magari con l’aiuto di Dio… Vietato montarsi la testa, bisogna rimanere con i piedi per terra e pensare subito alla Coppa prima e alla Carrarese poi che saranno due impegni tutt’altro che semplici

 

By